Un paesaggio pulito. Piccola azione di ‘Tuttinsieme’

Riceviamo e pubblichiamo integralmente una mail pervenuta in redazione, che testimonia e racconta la giornata di un nostro lettore, trascorsa in veste ‘ecologica’ insieme ad alcuni volontari dell’associazione ‘Tuttinsieme’.

Non da oggi, sono anni ormai che la nostra Regione, per la disastrosa gestione dei rifiuti che coinvolge ancora sopratutto Napoli e buona parte dei comuni vesuviani e casertani, viene identificata in Italia ed all’estero come la Regione della “munnezza”, triste termine che pronunciano anche i cinesi.
E’ noto a tutti che i riflessi negativi delle  immagini del disastroso impatto ambientale hanno prodotto facendo il giro del mondo : drastica frenata dei flussi turistici nazionali ed esteri verso la  Regione  una volta definita, a ragion veduta, “Campania Felix”.
Conosciamo le tumultuose iniziative delle istituzioni per far fronte a questa emergenza e conosciamo anche le proteste dei cittadini che avversano tali iniziative, a torto o a ragione. Di fatto, a tutt’oggi abbiamo la consapevolezza che la risoluzione di questa lunga emergenza sia molto lontana e, credo, i tempi si allungheranno ulteriormente se non si concretizzerà un coinvolgimento generale di tutti i cittadini della Regione.
Che possono fare i cittadini ? Curare la gestione dei rifiuti prodotti dal proprio nucleo favorendo la raccolta differenziata, stimolare le Amministrazioni locali ad adottare iniziative per aderire al Club dei Comuni virtuosi, quei Comuni cioè che anche in Campania hanno sottoscritto impegni per “mantenere puliti” i propri territori.
Credo che nel contesto regionale nel quale Camerota è compresa, la più concreta iniziativa di promozione turistica che oggi si possa adottare sia quella di compiere azioni volte a garantire “un paesaggio pulito”.
 Un sollecito in questo senso va rivolto alla sensibilità degli attuali amministratori come a tutti i componenti del Consiglio Comunale  La garanzia è un grande impegno che non può essere disatteso, richiede la dedizione di tutti, operatori turistici in primo luogo,operatori commerciali, associazioni, amministrazione, operatori ecologici, cittadini tutti, giovani e non,adolescenti.
Ancor più incisiva tale iniziativa risulterebbe se fosse adottata dai Comuni a noi più prossimi…E’ utopia  o tutela di interessi dei territori ?
Domenica 20 febbraio ho partecipato all’iniziativa di TUTTINSIEME per ripulire il tratto di scogliera Palazzo Mariosa-Molo di sopraflutto di Marina di Camerota. Tre ore di impegno in piacevole compagnia per sradicare dagli scogli 10 sacchi di rifiuti di ogni genere che giacevano da anni.
Nessuna pretesa di vantare un’azione dal retorico sapore ecologista, solo una piccolo un contributo per un paesaggio pulito.
Soddisfazione di tutti i partecipanti nell’aver compiuto un atto di rispetto nei confronti della terra che, nonostante tutto, ci dà ancora l’opportunità di richiamare turisti; compiacimento di qualcuno di questi che ieri percorreva il lungomare.

                                Rino Scarano