• Home
  • Cronaca
  • Sequestrata casa per anziani, c’era pure un infermiere sospeso per il caso Mastrogiovanni

Sequestrata casa per anziani, c’era pure un infermiere sospeso per il caso Mastrogiovanni

di Redazione

È stata sequestrata una casa per anziani a Capaccio, nel Salernitano. La struttura, una casa albergo per anziani è stata sottoposta a sequestro preventivo dai carabinieri dei Nas, diretti dal capitano Walter Feniello.


I sigilli sono stati applicati in seguito all’accoglimento della richiesta di sequestro avanzata dal pubblico ministero di Salerno da parte del gip del Tribunale salernitano. Al momento del sequestro, all’interno della struttura si trovavano 28 assistiti, tutti trasferiti in altre strutture della provincia.

All’origine della decisione, la presenza di quindici pazienti non autosufficienti, in un centro riservato esclusivamente ad anziani autosufficienti. Tra i reati ipotizzati, contestati al legale rappresentante, la detenzione di farmaci scaduti e l’abbandono e il maltrattamento di anziani. Indagato anche un infermiere, che al momento del blitz dei Nas, il 14 febbraio scorso, ricopriva abusivamente la professione infermieristica, poiché interdetto temporaneamente nella sua funzione dal Tribunale di Vallo della Lucania.

L’infermiere, infatti, è indagato insieme ad altri medici e paramedici del reparto di psichiatria del San Luca di Vallo della Lucania per il decesso di Francesco Mastrogiovanni, l’ insegnante cilentano morto il 4 agosto dello scorso anno nel reparto del nosocomio vallese in circostanze ancora del tutto non chiare.

 

fonte: il mattino

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019