Casaletto Spartano, sconfigge il Coronavirus e torna a casa dopo quattro mesi

di Redazione

di Marianna Vallone

Torna a casa e riabbraccia la famiglia dopo circa quattro mesi, Antonio Loguercio, 72enne di Casaletto Spartano. E’ risultato positivo il 5 novembre, insieme al figlio, alla moglie e al nipote, i primi contagiati in paese. Da subito si sono isolati in un’altra casa, anche per salvaguardare un altro figlio. Tutta la famiglia è stata coinvolta dal Coronavirus ed ha impiegato quasi due mesi per negativizzarsi

Il 72enne senza alcuna patologia pregressa il 29 novembre è stato ricoverato all’ospedale di Sapri dove è stato trattato dai sanitari con il casco per la ventilazione assistita. Il giorno successivo viene trasferito al Policlinico Federico II di Napoli, dove rimane fino al 7 gennaio, quando viene trasferito alla Clinica Maugeri di Telese Terme.

Ieri, dopo due mesi di riabilitazione nella clinica beneventana, e a più di tre mesi dal suo primo ricovero in ospedale, è tornato a Casaletto Spartano, che dallo scorso novembre ha fatto i conti con 80 contagiati e sei decessi.

«Lo abbiamo aspettato impazienti. – ha detto la sindaca Concetta Amato – e con le dovute cautele abbiamo cercato di fargli sentire la nostra vicinanza. Per i familiari è stato davvero un incubo. Tutta la comunità è felice per questo rientro e per questa famiglia che finalmente dopo tanto tempo si ricongiunge».

Ieri nel comune dell’entroterra del golfo di Policastro è tornata anche la minaccia di nuovi contagi. Tre i casi di Covid-19, infatti, registrati nelle contrade della montagna nella giornata di giovedì a distanza di due mesi dall’ultimo contagio.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019