• Home
  • Attualità
  • Caselle in Pittari, presentazione del libro Alpha beta: è già un successo

Caselle in Pittari, presentazione del libro Alpha beta: è già un successo

di Alessandro Infante

Nella giornata di ieri sabato 9 aprile presso Jepis Bottega in Caselle in Pittari, è stato presentato il libro Alphabeta storie e segni scritto a due mani da Giuseppe Rivello ed il professore Vincenzo Moretti. Il libro è stato presentato dinanzi la presenza di tante persone che fin dal primo momento hanno ascoltato le argomentazioni dei relatori con estremo interesse intervenendo con propri pensieri a fine serata.

Un libro argomentato e discusso da Maura Ciociano promotrice di eventi culturali e dalla giornalista Cristina Pastore. Un lavoro che ha analizzato i segni divenuti simboli con l’evoluzione ed il progresso umano nei millenni, fino ai giorni nostri. Suddiviso in due parti, nel lato Alpha Vincenzo Moretti narra 26 storie; nel lato Beta, invece, Giuseppe Rivello racconta i 20 segni arcaici dell’alfabeto protosinaitico con 20 didascalie e 20 definizioni tratte da I misteri dell’alfabeto di Marc-Alain Ouaknin. (Qui il link per acquistare il libro)

Un’opera ideata, pensata e poi forgiata presso Jepis Bottega un luogo culturale che oserei definire un “wormhole” ovvero un canale spazio tempo tra la vita reale moderna e l’immersione in uno status di contemplazione metafisica. Un luogo culturale che coinvolge un pubblico di tutte le età in cui la cultura è al centro dell’interesse collettivi.

Durante il convegno sono stati toccati più temi; dall’analisi del libro, al territorio cilentano intesi come contenitore di felicità in virtù del nostro modus vivendi, dall’arte della comunicazione di Giuseppe Rivello, in arte Jepis, alla guerra in Ucraina come espressione del male ed assenza di ogni qualsivoglia dialogo.

Probabilmente se vi fossero tante Jepis Bottega in ogni angolo del pianeta ci sarebbero meno guerre poiché ove vi è cultura non vi è spazio per le barbarie in quanto la cultura pone fuori tempo i nostri atteggiamenti ancestrali e ci proietta verso l’infinito tra enti che vivono in osmosi tra di loro ed il mondo reale che ci circonda.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019