• Home
  • Cronaca
  • Dopo i disservizi nella distribuzione della corrispondenza, il sindaco diffida Poste italiane

Dopo i disservizi nella distribuzione della corrispondenza, il sindaco diffida Poste italiane

di Biagio Cafaro

Il 25 gennaio, questo giornale, ha dato la notizia che a Castellabate non veniva consegnata la corrispondenza da settimane. Poste italiane ha confermato i disservizi, alle frazioni di Lago e Sant’Andrea, dichiarando che ciò era causato dall’assenza, per gravi motivi, del portalettere. L’operatore è stato sostituito, ma i problemi non sono terminati. Il nuovo portalettere, infatti, ha incontrato notevoli difficoltà nel consegnare la posta per la scarsa conoscenza della zona, oltre a problemi di toponomastica. Oggi, il sindaco di Castellabate, Costabile Maurano, ha diffidato poste italiane con il seguente comunicato: 

Diffida a normalizzare al più presto il servizio di distribuzione della posta

Da tempo sul territorio del comune di Castellabate si registrano frequenti disservizi nella distribuzione della posta che non viene regolarmente consegnata. Disservizi che stanno causando notevoli disagi ai cittadini e alle attività commerciali, con conseguente danno economico e d’immagine della cittadina. Il comune di Castellabate, anche in virtù del fatto che da tempo si è visto riconoscere il requisito di “comune a prevalente economia turistica”, che comporta anche una certa continuità nello svolgimento dei servizi postali durante tutto l’arco dell’anno, diffida Poste italiane a normalizzare al più presto il servizio di distribuzione della posta in tutte le frazioni del comune o in alternativa si riserva di adire le vie legali.

Articoli correlati:

Ancora ritardi nella consegna della posta nel cilento

Il caso di Alfano in parlamento

Porfidia deputato di noi sud pid interviene sul caso del postino

il postino va in pensione e nessuno distribuisce più la corrispondenza

Un rione senza posta da venti giorni il postino e malato

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019