Centro Juventus, comitato mamme: «Un anno difficile, i nostri figli ci hanno dato coraggio»

Garantiti i servizi di riablitazione nel Distretto 71. E’ di ieri mattina la notizia che l’esito della trattativa tra Asl, proprietà del Centro Juventus di Vibonati ed enti territoriali ha portato ai risultati attesi e il futuro della riabilitazione per gli utenti del nostro territorio è finalmente certo e garantito. «E’ stata una lotta dura che ci ha visti impegnati in oltre un anno a dover combattere per il mantenimento dei nostri diritti di cittadini, e alla fine abbiamo vinto, ottenendo la certezza della cura. – ha spiegato il comitato delle mamme – In questo anno abbiamo imparato a confrontarci, a capire i meccanismi burocratici alla base dei servizi di riabilitazione socio-sanitari, a scontrarci spesso con istituzioni sorde ai nostri appelli, in qualche caso ci siamo trovati nella condizione di dover spiegare quegli stessi meccanismi a cooro che erano chiamati a gestirli con il compito di tutelarci».

«La mobilitazione popolare che siamo riusciti ha costruire ha fatto in modo di accendere i riflettori su questa vicenda e ha mantenuto alta l’attenzione anche in quei periodi di stasi, permettendoci di arrivare al punto di oggi. – ha continuato il Comitato, che poi ha ringraziato quanti in questi mesi si sono prodigati per il mantenimento del centro – Come Comitato ci sentiamo in dovere di rinraziare coloro che si sono spontaneamente offerti di aiutarci e di sostenerci in questo percorso. Mensionare tutti sarebbe impossibile, ma un ringraziamento particolare va ala sensibilità, alla atenzione e alla disponibilità dimostrate dai nuovi organi dirigenziali dell’Asl, che hanno subito compreso le nostre difficoltà accettando e sostenendo le nostre richieste. Un altro ringraziamento – hanno scritto le mamme – va fatto a tutti gli enti istituzionali che si sono impegnati direttamente per la risoluzione di questa vivenda, svolgendo nel migliore dei modi il proprio mandato amministrativo e di tutela del territorio. Ma il ringraziamento più grande va ai nostri figli e figlie che ci hanno dato coraggio, ci hanno insegnato a lottare e a sorridere anche nei momenti più difficili. – e concludono – Il Comitato continuerà a restare attivo e vigile rispetto alla riabilitazione e a tutti i bisogni del territorio, convinto che nell’azione diretta del cittadino si concretizzi il vero valore della democrazia e solo attraverso la partecipazione diretta sia possibile tutelare fino in fondo i diriti dei singoli e della collettività».

©Riproduzione riservata