Centro Juventus, mamme in piazza:« I nostri figli devono essere curati qui»

Dopo l’iniziativa di martedì sera per la salvaguardia del centro riabilitativo Juventus a Vibonati, i genitori dei bambini disabili possono tirare un sospiro di sollievo. Infatti, nel corso del dibattito, i responsabili della proprietà si sono mostrati disponibili ad accogliere l’appello di mantenere il polo attivo per l’intero mese di gennaio. Parole di speranza sono quelle di Marco Colace, genitore di uno dei bambini accolti nella struttura: «La nostra fiaccolata pacifica ha raccolto tante adesioni tra le varie anime del territorio. Al grido di noi genitori si sono unite tante personalità del mondo istituzionale e non, sensibilizzando non solo chi vive un disagio attuale, ma anche chi comprende l’importanza della scomparsa di un servizio sanitario». Anche il consigliere regionale Anna Petrone si unisce alla battaglia del comitato ‘Il Centro Juventus non deve chiudere’, rifacendosi all’impegno delle “mamme” che stanno capeggiando questa protesta. «Questa è solo una delle manifestazioni se non otterremo risultati concreti. Serve una soluzione – continua una della mamme- che tuteli il diritto alla salute».


©Riproduzione riservata