«Ci manda il vescovo» ma è una truffa, diocesi: «Anziani attenti!»

Nel mirino soprattutto gli anziani. Si spacciano per inviati del vescovo, ma l’intento è quello di mettere le mani nei portafogli delle ignare vittime e truffarli. Al lavoro, da settimane, ci sono già i carabinieri delle compagnie locali, allarmati dai cittadini. Ma anche la Diocesi di Teggiano-Policastro ha deciso di intervenire, spiegando sul sito istituzionale che «tutte le inziative, comprese quelle a sostegno di persone bisognose o per altri progetti, saranno rese pubbliche attraverso i consueti canali di comunicazione (sito internet e comunicati alla stampa e alle televisioni) e attraverso le Parrocchie». E’ un fenomeno in crescita quello dei tentativi di truffa in cui si utilizzano i nomi dei parroci o dei vescovi e adoperando anche false lettere intestate. «Invitiamo tutti ad avere la massima prudenza verso qualsiasi richiesta di denaro, o di dati sensibili, in particolare provenienti da internet. – spiega la diocesi – Il Vescovo, la Diocesi e i Sacerdoti non autorizzano nessuno ad usare il proprio nome per chiedere denaro a qualsiasi scopo, vendere libri, oggetti e quant’altro. Chi venisse a conoscenza di fatti riferibili a quanto sopra riportato è invitato a segnalarlo prontamente alla Diocesi».

©Riproduzione riservata