Cilentana la ricercatrice nella lotta ai tumori, Loretta Del Mercato: «Ho scritto il progetto mentre allattavo»

Tra una poppata e l’altra c’è un progetto dell’Erc-Starting Grant, il più importante bando europeo riservato ai giovani ricercatori. E c’è una super ricercatrice del Cnr che ha ottenuto un milione di euro per tentare di aprire una nuova frontiera nella lotta contro il cancro. E’ Loretta Del Mercato, originaria di Laureana e Agropoli dove ha vissuto fino a qualche anno fa, che ha convinto la commissione di Bruxelles ed ha vinto il bando con l’obiettivo di realizzare nuovi modelli tridimensionali di tumore utilizzando le nanotecnologie. Biologa, si è specializzata in «materiali e tecnologie innovative», ha due figli, Nicola e Giulia (11 mesi) che è arrivata quando Loretta stava lavorando al progetto.  

«Mia madre mi portava mia figlia appena nata. L’allattavo e poi riprendevo. Ma ne è valsa la pena», spiega al Corriere.it. «Provo ad affrontare uno dei problemi più spinosi, la mancanza di sperimentazioni cliniche che impedisce di utilizzare i dati ottenuti in laboratorio. I test sugli animali sono lunghi, costosi e ci sono evidenti differenze rispetto agli esseri umani. Ci concentreremo soprattutto sul cancro al pancreas che si diagnostica tardi, con aspettative di vita di pochi mesi, casi in cui gli oncologi hanno necessità di capire rapidamente se una terapia può funzionare. Ma sono modelli che si possono estendere anche ad altre forme di tumori, oppure alla medicina rigenerativa».

La ministra Valeria Fedeli ha voluto incontrare la scienziata cilentana, insieme al presidente del Cnr Massimo Inguscio. «Questa straordinaria e giovane ricercatrice che sceglie di rientrare in Italia e che ha conquistato uno dei bandi più competitivi a livello europeo ci richiama alle nostre responsabilità — ha sottolineato la ministra dell’Istruzione al Corriere.it —. Come Paese e come decisori politici dobbiamo investire molto di più sulla ricerca, il cui ruolo non è mai stato così fondamentale come nei tempi in cui viviamo». Un successo anche per il Cnr che raggiunge 43 Erc vinti, primo tra gli enti di ricerca e università in Italia. 

©Riproduzione riservata