Cilento, continua la petizione per il Museo nazionale di Elea-Velia

Continua la campagna di adesione al comitato per la realizzazione del Museo Archeologico di Elea – Velia. Alla petizione, per il momento, ha già aderito ufficialmente: l’associazione A.R.E.C. Campania (Associazione Ex Consiglieri Regione Campania), l’associazione Codacons Campania, i Comuni di Vallo della Lucania, Moio della Civitella, Castellabate, Vibonati, Pollica, Cannalonga. L’elenco è lungo e tanti altri Comuni e Associazioni stanno inviando le delibere al Comitato. Anche molti rappresentanti del mondo accademico, politico, culturale e tantissimi cittadini stanno continuando a firmare la petizione che verrà inviata al Ministro.
In questi giorni si è svolto anche un lungo e proficuo incontro durante il quale c’è stato uno scambio di idee con il direttore Gabriel Zuchtriegel che ha dichiarato: “Apprezzo ogni iniziativa che aiuti a avviare un percorso condiviso per la creazione di un museo a Velia. Intanto stiamo al lavoro per verifiche di fattibilità anche sul versante stazione ferroviaria di Velia – Scavi”.

Entusiasta per la grande partecipazione è anche il presidente del comitato Caterina Cammarano che ha detto: ”L’incontro con il direttore Gabriel Zuchtriegel è stato molto importante per noi, una base di confronto per il prosieguo dell’inziativa. Il Museo dovrà essere innovativo e moderno, con finalità di valorizzazione e sponsorizzazione del territorio. Un progetto grande, rivoluzionario per Velia e per il Cilento, realizzabile solamente se il soggetto attuatore e gestore dell’intervento sia il Parco Archeologico di PAESTUM/VELIA. Ringrazio il Presidente di Confinternational Salvo Iavarone per l’organizzazione dell’incontro e tutti i componenti del comitato che mi stanno aiutando. Inoltre, anticipo che stiamo organizzando un’incontro pubblico aperto a tutti quelli che vogliono aderire tenendo conto delle norme covid – 19″.

©Riproduzione riservata