Cilento, Capaccio prima volta bandiera blu. Voza: «Momento storico»

Infante viaggi

La Città di Capaccio per la prima volta ottiene la Bandiera Blu della Fee , un prestigioso riconoscimento che premia principalmente la qualità delle acque del mare, che devono risultare eccellenti, ma che tiene conto anche di numerosi requisiti tra cui la depurazione delle acque reflue, la gestione dei rifiuti, la regolamentazione del traffico veicolare e i servizi in spiaggia. Alla cerimonia di consegna dei riconoscimenti, che si è svolta questa mattina a Roma, presso la sede della Regione Lazio, hanno partecipato il sindaco Italo Voza, l’assessore alle Politiche Ambientali Eustachio Voza e il consigliere delegato alla Bandiera Blu Maurizio Paolillo.

E’ record di Bandiere blu in Cilento, 11 le località premiate: Capaccio new entry

La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale istituito nel 1987, Anno Europeo dell’Ambiente, e che viene assegnato ogni anno in 48 Paesi. Bandiera Blu è un eco-label volontario per la certificazione di qualità ambientale delle località turistiche balneari. L’obiettivo principale è promuovere nei Comuni rivieraschi una conduzione sostenibile del territorio, attraverso una serie di indicazioni che mettono alla base delle scelte politiche l’attenzione e la cura per l’ambiente.

«Ho l’onore e l’onere di essere sindaco nel momento in cui la nostra città riceve per la prima volta la Bandiera Blu. – afferma il sindaco Italo Voza – Un onore perché si tratta del riconoscimento più prestigioso da ottenere per le città che puntano sul turismo balneare. Un onere perché questo non deve assolutamente essere considerato un punto di arrivo: adesso  dobbiamo impegnarci sempre di più per conservare la Bandiera Blu, lavorando per salvaguardare il nostro mare e il nostro ambiente in generale, e per migliorare i servizi per i tanti turisti che da oggi sceglieranno questa località perché sanno che ha la Bandiera Blu». 

  • Vea ricambi Bellizzi

«La Bandiera Blu attribuita oggi a Capaccio Paestum è misura della sostenibilità e delle potenzialità del territorio, oltre che dell’eccellente offerta turistica presente. Sono ben sei le bandiere che sventoleranno sulle spiagge del litorale di Paestum, da Varolato ad Acqua dei Ranci: ulteriore testimonianza della centralità che l’ambiente ha e deve avere in ogni scelta. Un grande lavoro di squadra premiato con questo riconoscimento, con i risultati della raccolta differenziata, ad oggi ben oltre il 65%, e con gli eccellenti risultati sulla qualità dei terreni e delle produzioni dell’agricoltura certificati dall’Università di Salerno e dall’Osservatorio dell’Appenino Meridionale in uno studio commissionato dalla Camera di Commercio» dichiara l’assessore alle Politiche ambientali Eustachio Voza.

«Sono molto felice per la mia Città. – conclude il consigliere Maurizio Paolillo – E’ stato un lavoro duro e complicato ma ne è valsa la pena. La Bandiera Blu è un valore aggiunto per tutto il nostro territorio. Si tratta di un percorso che è appena iniziato: l’amministrazione comunale, i cittadini e gli imprenditori dovranno collaborare per continuare a migliorare la qualità dell’ambiente. Ringrazio tutti coloro che hanno creduto nel progetto e che hanno collaborato per raggiungere l’obiettivo, in primis il sindaco Italo Voza, l’assessore Eustachio Voza e l’amministrazione comunale, è naturalmente funzionari e impiegati. Un ringraziamento particolare va agli operai e dipendenti della Paistom e della Sarim che ogni giorno lavorano per il nostro ambiente». 

©Riproduzione riservata

  • assicurazioni assitur
  • Lido Urlamare Palinuro
  • Lido La Torre Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi