• Home
  • Cronaca
  • Il manifesto selvaggio colpisce ancora e i faccioni abusivi si moltiplicano

Il manifesto selvaggio colpisce ancora e i faccioni abusivi si moltiplicano

di Redazione

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato diffuso dalla sede Codacons di Sala Consilina, relativo al proliferare di affissioni selvagge e illegali nei periodi di campagna elettorale.

 

IL MANIFESTO SELVAGGIO COLPISCE ANCORA E I FACCIONI ABUSIVI SI MOLTIPLICANO

Attraversiamo un periodo di crisi economica e di grosse difficoltà sociali. Eppure la politica (chiamiamola pure così!) non riesce a comprendere che potrebbe oggi risultare un dovuto atto di sensibilità nei confronti delle difficoltà dei cittadini quello di rispettare FINALMENTE le regole. E quali sono le regole alle quali alludiamo? Sono quelle elettorali sull’affissione dei manifesti. Esse sono abbastanza semplici, ma sembra che alcuni siano così lenti nell’apprenderle che varrebbe qui la pena di ripetere la lezioncina.

Per dare l’opportunità al cittadino di informarsi sulle liste elettorali e sui candidati nelle elezioni amministrative o politiche, il legislatore ha previsto che i comuni italiani mettessero, a disposizione di tutti i candidati, un apposito spazio numerato per l’affissione dei manifesti elettorali. Che cosa succede in pratica? Che le regole non vengono rispettate, perché:

1) si moltiplicano i faccioni e i manifesti abusivi sugli spazi più disparati (anche sui bidoni dell’immondizia, dove i sorrisi sembrano più beffardi del solito);

2)  si coprono, sistematicamente, alterando così l’informazione che dovrebbe arrivare al cittadino, i manifesti di coloro i quali rispettano le regole (se qualcuno ancora resiste) e affiggono negli spazi consentiti;

3) si crea, proprio in occasione delle campagne elettorali, una bruttura paesaggistica dovuta a striscioni (del tutto ILLEGALI) e a manifesti selvaggi su ogni dove, contribuendo alla diffusione della cultura dell’illegalità, già ampiamente rappresentata nel Vallo di Diano.

Questo comunicato sarà trasmesso, in via del tutto eccezionale, alla Procura della Repubblica del Tribunale, al Comando dei Carabinieri e al Comando della Polizia Municipale di Sala Consilina, perché non si può continuare ad ignorare, anno dopo anno, questo dileggio delle regole tutto a discapito dei politici onesti (se qualcuno ancora resiste!) e dei cittadini che vorrebbero essere informati correttamente. Assistiamo oggi al proliferare di striscioni e di manifesti selvaggi, così come nelle scorse elezioni amministrative, quando, proprio a Sala Consilina, le gigantografie Holliwoodiane sono passate inosservate (pensate un po’!), ancorché DENUNCIATE dal sottoscritto (purtroppo solo in forma orale!).

Il rispetto delle regole è il presupposto per la crescita culturale di un territorio. E vorremmo che la stampa e le istituzioni finalmente dessero un segnale e non dormissero sonni tranquilli a fronte a questo immane spreco di carta e a quest’arrogante modo di farsi conoscere. Che poi, i nomi e i faccioni sono sempre gli stessi, anche se cambiano partito, cosicché abbiamo imparato a conoscerli bene, anno dopo anno, elezione dopo elezione, da ormai trent’anni e più.

Il Responsabile della sede
dott. Roberto De Luca

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019