Comuni ricicloni, Sassano straccia tutti. Pellegrino: «Merito dei cittadini»

Per settimane è stato sulle prime pagine dei quotidiani per la strage costata la vita a quattro giovani, Sassano ora finisce sui giornali per un merito: quello di essere il primo comune campano per la raccolta differenziata. Primo posto assoluto con il 92,95 % e tra i primi posti nella classifica nazionale. «Un risultato straordinario conseguito grazie al lavoro cominciato prima dall’assessore all’Ambiente Antonio Trotta e proseguito successivamente dall’assessore Mario Trotta e dalla mia amministrazione. – ha detto il sindaco Tommaso Pellegrino – Un grande grazie agli operatori e ai cittadini sassanesi per l’impegno e la pazienza, che ci hanno permesso di raggiungere tale obiettivo, dando un forte e concreto segno di civiltà. Ritengo la raccolta differenziata uno dei punti più qualificanti di una amministrazione e sono orgoglioso di questo splendido e straordinario risultato a dimostrazione che i cittadini di Sassano sanno costruire anche delle belle pagine di storia del proprio Paese».

La classifica Al posto d’onore Casal Velino con l’85%, medaglia di bronzo per Roccadaspide (84%). Sono definiti comuni ricicloni 2014 tutte quelle amministrazioni che hanno raggiunto la percentuale del 65%. Per quanto riguarda i capoluoghi di provincia maglia rosa a Salerno con 65% di raccolta differenziata, seguita da Benevento con il 64%. Napoli è ultima con il 21%. Nella categoria comuni sotto i mille abitanti, vince Pertosa con 84% seguita da Rutino con 91% e Petina con 93%. Vince Montesarchio con 78% nella categoria dei comuni tra i 10mila ed i 20mila abitanti, segue Bellizzi con 72% di raccolta differenziata, terzo Monte di Procida con 82 %. Un premio anche per quei comuni tra i 20mila ed i 50mila abitanti con leader Bacoli con 82% di Rd, seconda Vico Equensecon il 66 %, terza si classifica Nola con 57%. Altro premio per i comuni tra i 50mila e 100mila abitanti con Acerra, leader con 69 %, segue Battipaglia con 70 % e terza Cava dei Tirreni con il 68 %. 

©Riproduzione riservata