Coronavirus, ansia e preoccupazione a Pisciotta: ordinati altri tamponi

Infante viaggi

Saranno sottoposte a tampone almeno altre 12 persone oggi a Pisciotta, comune cilentano dove ieri, martedì, è arrivata l’ufficialità di quattro casi di Covid-19. «Abbiamo attuato tutte le procedure del caso e stiamo ricostruendo in modo minuzioso la rete di contatti» ha affermato Ettore Liguori, primo cittadino del borgo a pochi chilometri da Palinuro. I tre casi sono tutti riconducibili ad una cena avvenuta a Salerno. Un medico e sua moglie, infatti, insieme ad altri amici, hanno preso parte a questa serata. La coppia, sottoposta a tampone, è risultata positiva. Il terzo caso è un ex militare della Marina che, nei giorni successivi alla cena, avrebbe avuto rapporti con alcuni parenti della coppia. Anche il quarto caso è riconducibile alla stessa cena.

Diversi tamponi già effettuati hanno dato esito negativo. Altri ne verranno fatti oggi. Intanto cresce la paura a Pisciotta. Riappaiono anche all’aperto le mascherine sui volti dei cittadini e dei turisti. Preoccupazione anche per gli operatori turistici: la notizia potrebbe sconvolgere gli equilibri e allontanare gli ospiti dal comune cilentano. Anche se ormai quasi ovunque si è abituati a convivere con il virus. Probabilmente solo in Cilento è più complicato, visto che l’emergenza vera, qui, si è vissuta di striscio.

  • Vea ricambi Bellizzi

©Riproduzione riservata

  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido Urlamare Palinuro