Covi, Meloni: «De Luca a casa, doveva fare attore non presidente»

Concorda con il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, sulle dimissioni del governo? “Secondo me, dovrebbe andare a casa anche lui”. Così la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in un’intervista ad ‘Avvenire’. Perché? “Doveva fare l’attore, non il presidente di Regione. Se, mentre montava l’emergenza, avesse impiegato per allestire terapie intensive e posti letto le stesse ore dedicate a ridicoli monologhi su Facebook, forse la Campania sarebbe ora a ben altri livelli sanitari. Invece, per curare un malato di Covid in Campania servono 73mila euro, in Lombardia 5mila. De Luca dovrebbe risponderne e fa scaricabarile sul governo. Ma chi ci casca?”.

La diatriba fra De Luca e l’esecutivo “mi fa arrabbiare parecchio. Anche se loro lo chiamano diversamente, si sta arrivando a un nuovo lockdown del Paese. Si sarebbe potuto evitare se d’estate il governo si fosse occupato di allestire contromisure per la prevedibile seconda ondata. Mentre noi parlavamo di Covid, loro ci davano degli ‘irresponsabili’ e discettavano di legge elettorale…”, sottolinea Meloni.