Da Sapri a Siviglia: il sogno di Oriana, direttore Leroy Merlin

8277

di Marianna Vallone

La storia di Oriana Petta è simile a quella di Federico, Luca, Sara, Fabio. Giovani talenti che lasciano l’Italia per Paesi in cui vedono le proprie competenze riconosciute. Sono i laureati, molti ad altissima specializzazione, protagonisti della cosiddetta fuga di cervelli. Oriana, a 41 anni, è già direttore d’azienda e oggi è stata lei a tagliare il nastro del suo negozio, il più grande e lussuoso centro Leroy Merlin España – Siviglia. Da Sapri si è trasferita in Spagna molti anni fa, “una laureata in fuga dall’Italia” dice sua sorella Vincenza, “non per cercare fortuna ma per dare valore ai suoi mille sacrifici e ai suoi studi”. Da un anno è “directora de tienda”, esattamente è direttore d’azienda. Dal Cilento, e dalla piccola città di Sapri, alla Spagna, a Siviglia, ci è andata con un sogno in valigia: quello di farcela. E quel sogno – oggi – lei lo ha realizzato.

«Avere una sorella all’estero è stato ed è drammatico. – racconta Vincenza, che vive a Roma e responsabile Comunicazione di molti programmi per Rai –  Si comunica via Skype o via Whatsapp. E così, anche oggi, siamo lontani da lei: è ormai una consuetudine per molte famiglie che prendono atto dell’assenza di opportunità di carriera in Italia e accettano, con grande sofferenza, di vivere distanti dai propri figli, sorelle o fratelli. L’Italia dà scarse opportunità. E’ un Paese molto strano. Un Paese che toglie la libertà, chiede compromessi e, finalmente, quando “arrivi” in cima (sei sul gradino più alto) ti fa sentire solo e prigioniero di te stesso». A condividere con Oriana gli obiettivi raggiunti e la soddisfazione di avercela fatta, anche se a migliaia di chilometri di distanza, non c’è solo la sorella Vincenza ma anche mamma Giuditta e papà Antonio, orgogliosi di lei.

«Auguri a tutti i ragazzi, a tutti i talenti in fuga per la libertà, per il riconoscimento delle proprie professionalità e dell’intelligenza quella bella (libera da compromessi). – aggiunge Vincenza rivolgendosi ad Oriana – Auguri sorella mia, sei un orgoglio per Sapri e per tutta la tua famiglia, ora fai brillare il tuo talento nel Mondo».

©Riproduzione riservata