• Home
  • Attualità
  • «Dalle reti alla tavola, tra passato e presente»: Dieta mediterranea a Maratea in nome di Vassallo

«Dalle reti alla tavola, tra passato e presente»: Dieta mediterranea a Maratea in nome di Vassallo

di Redazione

L’Istituto Alberghiero “Giovanni Paolo II” di Maratea e la Fondazione Vassallo presentano il primo progetto sulla Dieta Mediterranea come stile di vita dal titolo: “Dalle reti alla tavola, tra passato e presente”. L’incontro si terrà sabato 26 febbraio alle ore 10 al Maracongressi. I ragazzi incontreranno il sindaco di Maratea, Daniele Stoppelli, l’assessore alla pubblica istruzione Valentina Trotta , l’ideatore del progetto Dario Feminella e il presidente della Fondazione Vassallo Dario Vassallo.

«La Dieta Mediterranea è Patrimonio Immateriale dell’Umanità e noi abbiamo il dovere di viverla, raccontarla, e tramandarla non come ‘dieta’ , nell’accezione che usiamo ogni giorno, ma come Stile di Vita che ci rimanda immediatamente ai nostri nonni, ai nostri avi, a un modo di vivere che utilizza i prodotti della nostra terra, del mare e rispetta il tempo e l’attesa, proprio come voleva Angelo Vassallo», spiegano dalla Fondazione.

Gli studenti hanno già incontrato i pescatori di Maratea, introdotti da Manuel Chiappetta, pescatore del posto, presidente del Flag coast to coast e referente Basilicata della Fondazione Vassallo. Da questi incontri è cresciuto l’entusiasmo per la storia e per la riscoperta di un’arte, quella dell’andare per mare che educa al rispetto dell’ambiente, alla libertà, alla necessità della Legalità.

«Questo è ciò che la Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore fa da oltre 11 anni e ora, con questa collaborazione, rafforza legami e relazioni importanti che sono il volano per un percorso che ha una lunga strada davanti nell’ottica della Valorizzazione di quella che Angelo Vassallo ha portato al mondo intero: la vera Dieta Mediterranea», dice la Fondazione.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019