Don Gianni a ‘Storie Italiane’ su Rai Uno difende Achille Lauro da Paolo Brosio

Infante viaggi

di Marianna Vallone

L’esibizione a Sanremo 2020 di Achille Lauro divide il pubblico. A difenderlo, nel programma di Eleonora Daniele su Rai Uno “Storie Italiane”, è don Gianni Citro. Il parroco di Marina di Camerota è intervenuto a difesa del cantante dopo gli attacchi di Paolo Brosio: «Non è un cantante e non si può dire che l’abito sia quello di San Francesco», dice il giornalista, «non evocare un santo, quello è un palcoscenico importante». E poi per stemperare i toni aggiunge: «Se lo incontrassi prenderei un caffe con lui». Interviene don Gianni, chiamato in studio dalla conduttrice.

«Mi fa piacere sentire che non ce l’ha con Achille Lauro – replica il fondatore del Meeting del mare – E’ bello sentirlo da un cristiano robusto e convinto come lui, ma non sono d’accordo sul fatto che Lauro non sia un bravo cantante e che Sanremo sia solo un esperimento canoro, è invece un grande spettacolo».

  • Assicurazioni Assitur

Don Citro poi aggiunge: «Lauro cambia costume durante i suoi show e a Sanremo ha portato un pezzo sulla sua storia umana, artistica e canora attraverso un assaggio di quello che succede dal vivo». Ed entra nel dettaglio: «Sulla citazione del santo perché ci scandalizziamo? Perché in scena si parla del santo? I santi non sono pezzi da museo o surgelati ma esemplari umani che possono essere tirati in ballo sempre nella vita». Il pubblico applaude alle parole del prelato e la Daniele invita nuovamente don Gianni in trasmissione: «Ci venga a trovare ancora».

RIVEDI LA PUNTATA

©Riproduzione riservata

Assicurazioni Assitur