• Home
  • Cronaca
  • Discariche abusive a Novi Velia, Cilento Futurista rivendica la propria azione di denuncia

Discariche abusive a Novi Velia, Cilento Futurista rivendica la propria azione di denuncia

di Rito Ruggeri

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato diffuso dall’associazione "Cilento Futurista – CasaPound Italia" relativo alla presenza di discariche abusive sul territorio di Novi Velia

"L’associazione culturale "Cilento Futurista – CasaPound Italia" si è resa protagonista nei mesi scorsi di alcune denunce riguardanti rifiuti che giacevano per le strade del comune e in altre zone dedite a sversatoio tra le quale una discarica inadeguata a raccogliere rifiuti. In risposta all’amministrazione comunale novese che ha non ha mosso un dito per normalizzare la situazione gli attivisti avevano chiesto l’autorizzazione al comune per una manifestazione di protesta in piazza per domani. Parola al segretario dell’associazione Guido D’Amore: "Probabilmente l’amministrazione si è spaventata, oltre al volantinaggio in piazza avevamo in programma per oggi di fare una pulizia simbolica della discarica. Arrivati a contrada Fucilicchio ieri abbiamo trovato i camion che stavano iniziando l’opera di pulitura della zona. E’ da luglio che abbiamo denunciato la presenza di rifiuti in zona, solo ora hanno preso provvedimenti. Si puo’ dire a ben donde che abbiamo svolto in pieno il nostro dovere civico di puntello." Domani nel pomeriggio, insieme ad alcuni esponenti politici locali e gente comune, Cilento Futurista manifesterà comunque. “Tra i Comuni premiati con riconoscimenti e attestati di merito per la loro virtuosità nell’affrontare il tema della raccolta dei rifiuti è presente il comune di Novi Velia – comunica il responsabile di zona dell’associazione, Vittorio Rocco La Vecchia – E’ sorprendente come un tale riconoscimento, seppur di basso valore, sia ‘offerto’ ad un comune che con indifferenza nei confronti di chi espone un qualunque disagio sociale, ha un meccanismo per la raccolta dei rifiuti precario e claudicante. Il recupero di un territorio – continua La Vecchia – non si effettua semplicemente scrivendo il nome di un paese in modo artistico o inserendo vasi di fiori sulle strade. È come indossare una cravatta di Armani su un vestito strappato. ”"

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019