Eso es Palinuro si mobilita, spesa gratis per bisognosi e decine di sarte a produrre mascherine

Infante viaggi

di Marianna Vallone

Spesa di beni di prima necessità e mascherine di protezione per chi ne ha bisogno. In cambio chiede solo di restare a casa. E’ l’associazione Eso Es Palinuro, da 10 anni a sostegno di Palinuro e dei suoi abitanti e turisti, che si è mobilitata per offrire il proprio sostegno in un momento di grande emergenza.

Le mascherine – Dieci donne volontarie, di Palinuro si sono unite per fronteggiare la carenza di dispositivi di protezione individuale, creando una produzione di mascherine protettive da donare agli abitanti del proprio paese, ma anche ad altri che ne fanno richiesta. A coordinarle c’è Elisabetta Costea, titolare del laboratorio di artigianato “Art House Palinuro“, che già aveva iniziato a produrre mascherine giorni fa. L’artigiana ha dato le linee guida inviando al gruppo un video tutorial, al fine di organizzare per bene il lavoro. Già da sola Elisabetta aveva realizzato in pochi giorni 1400 mascherine. Ora che sono in tante produrranno tra le 250 e le 300 mascherine al giorno.
Una catena di montaggio perfetta, dove ognuna ha un compito specifico. Le richieste di mascherine arrivano ogni giorno e perciò il lavoro va avanti senza sosta. Le prime saranno pronte lunedì.

Le iniziative – Questa è solo una delle iniziative che la Eso es Palinuro ha deciso di supportare, in un periodo di particolare emergenza nazionale: produrre e distribuire gratuitamente centinaia di mascherine per la popolazione. L’associazione quindi si è adoperata per trovare delle sarte, pensando anche a reperire il materiale necessario a realizzare le mascherine. Inoltre, la Merceria Contaldi di Marina di Camerota ha voluto contribuire fornendo all’associazione in modo gratuito il materiale necessario, come nastri, cotone ed elastici, ad oggi difficilmente reperibili in zona. «Non possiamo che essere emozionati nell’assistere a questa gara di solidarietà. – spiega l’associazione di Palinuro – Non appena sarà finita la produzione del primo lotto, vi aggiorneremo su data e modalità di distribuzione».

  • Vea ricambi Bellizzi

Beni di prima necessità ai bisognosi – Ma la Eso Es Palinuro ha fatto anche molto di più, fornendo la spesa di beni alimentari di prima necessità a chi ne ha bisogno. Per cui chi è in condizioni di difficoltà può contattare l’associazione che, con garanzia di anonimato, attraverso un volontario, consegnerà la spesa. Inoltre è attiva una raccolta fondi per aiutare chi ha bisogno. «Chiunque condivida la nostra scelta e voglia fare una donazione, può contattarci», spiega l’associazione. Il cuore grande dei volontari non si ferma. «Oggi grazie a una donazione di un privato abbiamo potuto acquistare altre 200 mascherine da una ditta che produce cravatte la quale a sua volta donerà i soldi che gli diamo in beneficenza», sottolineano.

Una volontaria si è iscritta alla Protezione civile locale per essere autorizzata a fare le consegne degli alimenti e ad aiutare i compaesani anziani o in difficoltà, supportando così anche l’associazione di protezione civile.

Chi vuole può donare il 5×1000 all’associazione 93021660654

©Riproduzione riservata

  • Vea ricambi Bellizzi
  • assicurazioni assitur
  • Lido La Torre Palinuro
  • Lido Urlamare Palinuro