Famiglie degli ospiti della San Pio al sindaco di Padula: «Trasferirli significa metterli in pericolo»

Infante viaggi

di Pasquale Sorrentino

«I nostri parenti non possono essere trasferiti perché ancora in quarantena, perché trasferirli significherebbe nuocere alla loro salute e mettere in pericolo anche chi ha contatti con loro». Lo si legge in una diffida di uno degli avvocati di famiglia degli ospiti della San Pio di Padula. Sono 9 gli anziani ancora all’interno della struttura, negativi al Covid, che il Comune ha chiesto di trasferire in quanto la “San Pio” non ha più la licenza, revocata dal Consorzio Piano sociale di Zona, per soprannumero di ospiti. A questa richiesta – arrivata tramite un’ordinanza – i familiari si sono opposti.

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur