Family Food Fight, su Sky protagonista 36enne di Centola

Tra le sette famiglie di professionisti – gestori di ristoranti, agriturismi o trattorie sparsi sul territorio nazionale, da domani 11 marzo, ogni giovedì  alle 21,15 su Sky Uno (canale 108, digitale terrestre canale 455) e in streaming su Now Tv ai nastri di partenza della seconda edizione di Family Food Fight, come unico rappresentante della Toscana ci sarà anche una famiglia quarratina. Con una particolarità, però, tra loro c’è un cilentano, un ragazzo di 36 anni di Centola (nella foto in alto).

La famiglia è titolare della trattoria Lanterna Blu di via Montalbano a Quarrata. A gareggiare, in una sfida senza esclusione di colpi, al primo cooking show prodotto da Endemol Shine Italy per Sky, saranno Claudia Vannucchi (37 anni) con il padre Quintilio (73) e la madre Clara (64 anni) e, apunto, il cognato Mauro Valiante (36 anni).

Con le altre famiglie in gara (che arrivano da diverse regioni italiane quali Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Campania e Calabria) i componenti della famiglia Vannucchi hanno in comune l’amore per la buona cucina e per il buon cibo che ogni territorio sa offrire, il gusto dello stare insieme a tavola, la passione verso l’accoglienza e l’ospitalità.

“Claudia, forte accento toscano, diplomata al Polimoda – fa sapere l’ufficio stampa del programma televisivo, un adattamento del format australiano già proposto in altri nove paesi al mondo — ha lavorato in questo settore per 10 anni, ma sentiva che quello non era il posto adatto a sé.

Tornata a casa, ha cominciato ad aiutare i genitori nell’Agriturismo, come faceva quando era piccola, oggi invece si occupa maggiormente della sala, mentre i cuochi sono Mauro e Clara, il primo più tradizionalista, la seconda più innovativa.

Clara ha fatto un corso serale di cucina e, nel 1993, ha aperto una piccola trattoria con 35-40 coperti. Con il passare degli anni, hanno lasciato quel locale per prenderne in affitto un altro più grande, da 70 coperti, in una posizione più strategica.

La cucina è molto familiare e stagionale, con tanta carne e tanta ortaggi, tipicamente toscana (c’è la classica fiorentina, i salumi della zona, i formaggi, picio ragù di cinta), anche se nel menù vi sono anche piatti legati alla cultura milanese perché Mauro è cresciuto e ha lavorato a Milano. In più, la loro clientela apprezza i loro piatti a base di pesce, i loro dolci e il loro pane”

I quartetti metteranno in campo tutte le proprie abitudini, non solo a tavola ma anche nella gestione di una cucina professionale, e portando in scena tutte le ricette che più contraddistinguono le loro zone d’origine ma anche la propria storia familiare.

A valutare i piatti e i comportamenti delle famiglie torna il trio già protagonista nella prima edizione ovvero Lidia e Joe Bastianich oltre a Antonino Cannavacciuolo. In palio un premio finale da 100 mila euro e il titolo di Campioni d’Italia di Family Food Fight.

Ogni puntata di Family Food Fight si svilupperà su tre prove con cui verranno testate la capacità delle famiglie di esprimere la propria passione per la cucina sia all’interno della loro comfort zone sia confrontandosi con imprevisti sempre diversi, ma anche le loro abilità nel gestire una cucina professionale, con la suddivisione dei compiti e il rispetto delle richieste dei clienti, proprio come avviene nel proprio ambiente naturale, nella loro sala, con le loro pentole e davanti ai loro fornelli.

©Riproduzione riservata