Sabato il convegno “Matteo de Augusinis: impegno e rilancio del Sud tra libertà e sviluppo economico”

Infante viaggi

Sabato 5 marzo a partire dalle ore 18.00 presso l’Aula consiliare si terranno a Felitto il convegno “Matteo de Augustinis: impegno e rilancio del Sud tra libertà e sviluppo economico” e alla rievocazione storica dedicata allo stesso economista “Matteo de Augustinis: un uomo di libertà”, organizzati nell’ambito dell’iniziativa “Riscopriamo la nostra storia” dalla Pro Loco Felitto. All’appuntamento parteciperanno docenti autorevoli e sarà un’occasione per conoscere meglio la storia del borgo cilentano. L’iniziativa, patrocinata anche dalla presidenza del consiglio dei ministri, ha ottenuto il logo ufficiale delle celebrazioni del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia perché, recita la motivazione, riunirà eccellenze del mondo accademico e della cultura italiana. L’evento dunque è incentrato su Matteo de Augustinis, quest’illustre economista felittese, fautore di libertà per l’intero Meridione d’Italia. Un uomo, il quale fece dei suoi ideali di libertà una ragione di vita e che si colloca in un momento storico di gradi illusioni e cocenti delusioni, ma sempre con uno spirito libero, che vede protagonista il suo amore per l’Italia, la sua ferma condanna per il potere assoluto e, soprattutto, la sua dedizione ai giovani, cui regala la fermezza delle sue idee.  
Lo spettacolo teatrale metterà in scena quindi una storia straordinaria, la quale parte dal colpo di cannone di Castel Sant’Elmo che sancisce “…un monarca di meno e una repubblica in più!”, fino al 1845, vigilia di un nuovo, coraggioso, tentativo di rivoluzione (moti del 1848).Tutto vissuto attraverso la vita di una delle più significative figure di intellettuale meridionale dei primi dell’Ottocento, quel Matteo de Augustinis, il quale teorizzando la nuova politica economica del Sud, gettava le basi per la “questione meridionale” che sarà il momento cruciale della vita sociale della nascente Italia. Nella rievocazione la vicenda politica e sociale, poi, si intreccia con quella “umana” e personaggi come Isabella Cioffi (la moglie di Matteo de Augustinis), Domenico (il padre), Carlo Poerio, Luca De Samuele Cagnazzi e tanti altri, prendono vita, con i loro sentimenti, le loro emozioni, le loro paure!… E così il racconto diventa, oltre che storicamente corretto, anche vero e credibile dal punto di vista drammaturgico, con scene e dialoghi di grande spessore emotivo.La rievocazione storica si sviluppa anche con le ambientazioni scenografiche che porteranno (con semplici elementi) gli spettatori da Castel Sant’Elmo a Napoli alla sede rivoluzionaria di Felitto, dalla casa di Matteo de Augustinis alle carceri di Santa Maria Apparente.In definitiva un grande “film” che coinvolgerà emotivamente gli spettatori, creando, sicuramente, memoria storica ed orgoglio di appartenenza alla terra di Felitto e dell’intero Cilento.Una serata da non perdere per recuperare la “memoria storica” poc’anzi richiamata che, sicuramente, riattiverà quell’orgoglio dell’appartenenza utilissimo per tutti ma indispensabile, in particolare, per i giovani.

  • assicurazioni assitur
  • Lido La Torre Palinuro
  • Lido Urlamare Palinuro
  • assicurazioni assitur