Filiera del cinghiale, Parco affida servizio di ritiro e trasferimento animali abbattuti

Infante viaggi

Con un avviso, pubblicato nei giorni scorsi, l’ente Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni intende procedere all’affidamento del servizio di ritiro, trasferimento e servizio di centro di lavorazione della selvaggina dei capi ungulati abbattuti nell’ambito dell’attività di prelievo selettivo.

L’avviso – chiarisce l’ente – è finalizzato esclusivamente alla ricezione di manifestazioni di interesse per favorire la partecipazione del maggior numero di operatori economici, in possesso dei requisiti necessari,
potenzialmente interessati a partecipare alla presente procedura. L’Amministrazione si riserva la facoltà di interrompere in qualsiasi momento, ovvero di sospendere, modificare o annullare, in tutto o in parte, il presente procedimento o di non dar seguito alla selezione per l’affidamento di cui trattasi, senza che i soggetti partecipanti possano vantare alcuna pretesa. E invita gli operatori economici interessati, in possesso dei requisiti di carattere generale e specifici, a presentare la propria istanza, secondo le modalità prevista dall’ avviso.

Comincia a dare i primi frutti la progettualità intrapresa dall’ente guidato da Tommaso Pellegrino sull’emergenza cinghiali nel territorio del parco. Un avviso è stato pubblicato nei mesi scorsi anche per le macellerie, che dopo essersi dotate delle specifiche autorizzazioni, vogliano commercializzare la carne dei cinghiali, abbattuti dai selettori autorizzati.

  • assicurazioni assitur

Nello specifico l’avviso consiste nel ritiro dei capi abbattuti presso i Centri di Raccolta opportunamente allestiti e trasferimento degli stessi presso il Centro di Lavorazione della selvaggina autorizzato. I capi oggetto di tale
servizio dovranno avere un peso vivo maggiore di 60 chili. Per il servizio il soggetto aggiudicatario dovrà riconoscere all’Ente Parco o al soggetto gestore dei Centri di Raccolta individuato dall’Ente Parco un rimborso in euro a chilogrammo per i capi abbattuti che sarà oggetto dell’offerta economica. Il peso dei capi abbattuti (eviscerati ma non ancora spellati) sarà determinato mediante l’uso di bilance in uso sugli automezzi preposti al ritiro e riportati nei verbali di consegna firmati dagli operatori di
selezione responsabili e l’incaricato del ritiro.

Per partecipare La domanda di partecipazione e l’offerta dovranno essere sottoscritte dal legale rappresentante dell’impresa interessata e dovrà essere inviata al protocollo dell’Ente Parco secondo le seguenti modalità: a mezzo pec al seguente indirizzo: parco.cilentodianoealburni@pec.it entro le ore 14,00 del 29/02/2020.

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur