• Home
  • Attualità
  • Fondazione Vassallo: «Grazie Draghi, ora impegno comune per arrivare alla verità»

Fondazione Vassallo: «Grazie Draghi, ora impegno comune per arrivare alla verità»

di Antonio Vuolo

Il Presidente della Fondazione Angelo Vassallo, Dario Vassallo: “Ringrazio il Presidente del Consiglio Mario Draghi per aver ricordato Angelo Vassallo questa mattina nel suo intervento alla 38esima assemblea nazionale Anci”

“Il ricordo del sindaco Angelo Vassallo è un tributo a tutti i sindaci impegnati quotidianamente nella lotta contro la criminalità”. Lo ha detto questa mattina, il Presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi, nel suo intervento alla 38esima assemblea nazionale Anci (Assemblea Nazionale Comuni Italiani), ricordando il primo cittadino di Pollica, Angelo Vassallo, trucidato con nove colpi di pistola, da mani armate ed ancora ignote, la sera del 5 settembre 2010. “Penso ad Angelo Vassallo– ha detto Draghi– primo cittadino di Pollica ucciso brutalmente nel 2010. Il suo ricordo– ha aggiunto commosso- è un tributo a tutti i sindaci impegnati quotidianamente nella lotta contro la criminalità organizzata”.

«La memoria di Angelo Vassallo va onorata mettendo al centro della nostra opera l’interesse della collettività e l’amore per la nostra terra, impegnandoci ogni giorno per migliorare la qualità della vita di tutti e avendo il coraggio di scelte compiute con onestà e trasparenza. Le parole del Presidente del Consiglio arrivano dritte al cuore, in un momento particolare dove lo Stato mostra la sua forza di legalità e di giustizia nel Cilento, nella Provincia di Salerno, nel Paese». Queste parole sono per noi, che giriamo il Paese da 11 anni, linfa vitale. A dirlo è il Presidente della Fondazione Angelo Vassallo il fratello Dario Vassallo. «Queste parole scuotono le coscienze dei cittadini e della Fondazione, impegnata nel far luce sulla notte del 5 settembre 2010, alla scoperta della verità, verso la necessità di giustizia nei confronti di una morte che ha lacerato gli animi, di un uomo assassinato per le sue idee, spinto da quell’amore profondo, bello e genuino per il suo territorio, per la sua terra, per preservarla e tutelarla. Per far sì che un delitto efferato non rimanga impunito» conclude Dario Vassallo.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019