Fondi europei, sindaco di Pollica al premier Renzi: «Qui in tanti hanno lavorato, intanto paghiamoli»

Sos al Governo ed al presidente del consiglio, Matteo Renzi, sui fondi dell’Unione Europea da parte del sindaco di Pollica, Stefano Pisani: «Salviamo almeno una parte delle risorse comunitarie – dice all’Ansa – Serve un decreto del Governo che consenta ai Comuni di pagare le imprese che hanno già effettuato i lavori superando il limite normativo dell’anticipazione di cassa. C’è bisogno del sostegno concreto da parte del nostro premier ed è a lui che mi rivolgo per una rapida soluzione». «Il 31 dicembre prossimo – evidenzia il primo cittadino di Pollica, è la data ultima entro la quale pagare i lavori finanziati con fondi Ue del periodo 2007/2013 per poterli successivamente rendicontare alla Ue, ma i Comuni e la Regione Campania non riescono ad effettuare i pagamenti alle imprese che pure hanno realizzato i lavori». L’unica soluzione, secondo Pisani, «che possa consentire alle imprese di sopravvivere alla barbara azione di ‘accelerazione della spesa’ messa in campo dalla precedente Giunta Regionale, e recuperare almeno il 50% dei fondi Ue, che altrimenti saranno restituiti a Bruxelles, è un decreto legge che consenta ai Comuni, senza attendere il trasferimento di risorse da parte della Regione, di pagare tutte le spese relative ai progetti finanziati con fondi Ue escludendoli dal calcolo del limite dell’anticipazione di cassa». Conclude Pisani: «In mancanza di tale provvedimento saremo costretti a vedere fallire le imprese e i Comuni che hanno provato a realizzare infrastrutture per il proprio territorio».

©Riproduzione riservata