Gal Cilento Rigeneratio, corsi per i giovani su patrimonio culturale e turismo integrato

114
Infante viaggi

E’ stato sottoscritto l’atto d’impegno tra il
FLAG Cilento Mare Blu e l’Ente di Formazione “Tecnoquality” per
l’esecuzione della misura della SSL FLAG Cilento Mare Blu, 3.A.3
“Formazione per la gestione e valorizzazione del patrimonio culturale e
ambientale e il turismo integrato”. Un’opportunità per i giovani di
qualificarsi per lo svolgimento di nuove attività basate sui valori reali del
territorio. Erano presenti: il presidente, Ing. Mauro Inverso e Kenny
Werner Aldo Gallo, giovane imprenditore che ha colto il valore dell’intervento,
il direttore del flag, dott. Claudio Aprea. Per iscriversi ai corsi, che si
terranno ad Agropoli, tutte le informazioni saranno reperibili a breve sul sito
web www.cilentoregeneratio.com.

L’intervento contribuisce all’obiettivo di promuovere il benessere sociale e il patrimonio culturale delle zone di pesca. Si prevede, infatti, l’attuazione di interventi formativi che, integrino le diverse tipologie di attrattori e lo sviluppo di un turismo integrato, sostenibile e incentrato sulle specificità del patrimonio locale. Sono previste due tipologie di intervento: progetto formativo per la gestione e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale; progetto formativo per le nuove forme di turismo.

Ogni
sub progetto ha la durata di 120 ore, 
per un totale di 240 ore complessive, e nei moduli sono previste lezioni
di diritto e mercato del lavoro, inglese, informatica, turismo, aspetti fiscali
e normativi dell’impresa oltre che mappature del territorio, visite aziendali e
stage. Tutte queste attività sono 
rivolte  ai pescatori e ai
componenti del nucleo familiare degli stessi, quindi per giovani e donne
dell’area costiera che vogliono incrementare le competenze e le capacità di
auto-impresa dei componenti della propria famiglia  e dei pescatori nel settore del turismo.

  • Petrolfer srl
  • Scait consulenza alle imprese

L’azione
sarà attuata dall’ente di formazione (Tecnoquality) accreditato presso la
Regione Campania  che garantirà, grazie
all’esperienza maturata, la massima qualità delle lezioni e delle docenze. Sarà
inoltre cura dell’ente di formazione produrre la massima pubblicità al fine di
avere un’ampia partecipazione ai corsi, che partiranno nel mese di novembre.

«Stiamo recuperando il tempo perduto – ha affermato il presidente del GAL Cilento Regeneratio, ing. Mauro Inverso – per i finanziamenti relativi al FLAG. Siamo pronti a partire con attività di formazione, che possono essere di ausilio per dare slancio e sostegno a coloro che operano in ambito portuale e costiero. Procede intanto anche l’attività strategica per l’attuazione della progettazione, che lunedì porteremo a Napoli, in Regione. Stiamo predisponendo una serie di manifestazioni di interesse per eventi di promozione del pescato (come ad esempio quello che si svolge all’interno dell’Area marina protetta di Castellabate) e le attività sui porti. L’obiettivo è spendere tutti i fondi relativi alla misura in maniera oculata, per la crescita e la valorizzazione delle aree costiere da Agropoli a Casal Velino, migliorando la visibilità di queste zone non solo dal punto di vista del turismo balneare, ma anche relativamente alle attività di pesca».

©Riproduzione riservata

  • Assicurazioni Assitur
  • Petrolfer srl