Gelbison in D, Ametrano esulta: «Buona fede della società andava salvaguardata»

Dopo la sentenza delle sezioni unite, la Gelbison è riconfermata in serie D. Ora si può riprendere fiato. La stagione può finalmente iniziare. Esulta anche il vicesindaco del Comune di Vallo della Lucania, Marcello Ametrano. «Sono felice – esclama Ametrano -. Sarebbe stata una vera ingiustizia, questa è una vittoria per la città di Vallo della Lucania che merita la serie D in quanto ha una gloriosa storia calcistica e ha pieno diritto di calcare questo prestigioso palcoscenico sportivo». «Un invito a tutti i tifosi – continua Ametrano -. Di non far mancare mai e venir mai meno il loro apporto. Dovranno rappresentare il dodicesimo uomo in campo».

Un errore burocratico avrebbe potuto compromettere il futuro calcistico della città. Ma intervenire con professionalità ha permesso di risolvere, nelle sedi opportune, la delicata questione. «Si è intervenuti, chiarisce il vicesindaco Ametrano – facendo valere le nostre ragioni in quanto la buona fede della società, al momento dell’iscrizione, andava salvaguardata. Un grazie a Luigi Cobellis che ha sostenuto le ragioni della società e non ha fatto mancare il suo apporto». Proprio qualche giorno fa Cobellis ribadiva ai microfoni del giornale del Cilento «Ho fatto quello che ho potuto per la squadra, L’ho fatto attraverso conoscenze e relazioni messe a servizio della squadra, una cosa del tutto normale».

Ora può prendere il via la stagione 2015/16 con la Gelbison inserita nel girone I. Sarà una sfida complessa ma avvincente. Fra qualche domenica prenderà al via il campionato. Ci saranno anche i derby con Agropoli e Cavese. Si preannuncia una stagione ricca, se non lo è già stata, di colpi di scena. «L’amministrazione ha sempre sostenuto la squadra cercando di coinvolgere il mondo imprenditoriale, professionale e politico – precisa il vice sindaco -. La squadra ha così potuto raggiungere anche livelli soddisfacenti per la gioia di tutti i vallesi». «Vincere e vinceremo» conclude un euforico Ametrano.

©Riproduzione riservata