Sala Consilina: aderisce con una commedia teatrale tratta da un romanzo di Dacia Maraini

Si è tenuta oggi in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, una manifestazione teatrale presso l’ITIS di Sala Consilina, organizzata e voluta dalla commissione Pari Opportunità del comune di Sala Consilina presieduta da Stefania Pugliese, con la partecipazione della cooperativa culturale “La cantina delle arti”. In apertura, il presidente della Consiglio Comunale nonché delegata alle Pari Opportunità, Maria Stabile, ha rivolto alle scolaresche di tutti gli istituti superiori di Sala Consilina un breve messaggio: “Porgo ai presenti il saluto del sindaco, dell’amministrazione comunale e del consiglio comunale. Voglio cogliere l’occasione per ricordare ai ragazzi di dare il massimo contributo su questo argomento e di non considerarlo una perdita di tempo. Mi rendo conto che la vostra giovane età vi porta con il pensiero altrove ma è opportuno che ognuno di voi si renda conta da subito che questi temi sono l’espressione della libertà e della civiltà di un popolo”. Nel mese di ottobre del 1999, dieci anni fa ormai, l’assemblea generale delle Nazioni Unite designò il 25 novembre quale giornata internazionale per la lotta contro la violenza sulle donne, in ricordo dell’uccisione delle tre sorelle Mirabal, per ordine del dittatore Trujillo nella Repubblica Domenicana. Poi la delegata P.O. Stabile prende fiato e afferma: “Proprio un anno fa il 25 novembre 2008 fu promossa dall’UDI Nazionale (Unione Donne Italiane) una manifestazione nazionale, accogliendo in corteo un’anfora contro la violenza sulle donne. Quest’anfora partì il 25 novembre da Niscemi in Sicilia per ricordare l’uccisione di Lorena Cutraro, attraversando l’Italia meridionale è stata accolta nella nostra città nel mese di febbraio 2009 quando ci fu la partecipazione corale di tutti gli studenti di ogni ordine e grado. Nella giornata di ieri è arrivata a Brescia per ricordare una giovane pakistana Hima Saleem trucidata nel 2006. Con la giornata di oggi si è voluto dare continuità a questa attività di sensibilizzazione. La Commissione Pari Opportunità di Sala Consilina, l’amministrazione tutta e “La cantina delle arti” hanno voluto pertanto rivolgere un appello alle coscienze, soprattutto a quelle giovanili, mediante una rappresentazione teatrale dal titolo “Passi affettati”, tratto dall’omonimo romanzo della scrittrice Dacia Maraini, adattata per l’occasione dal regista e attore Enzo D’Arco. La violenza contro le donne in particolare quello che avviene tra le mura domestiche, non è considerata una violenza contro i diritti umani, ma spesso viene giustificata come una questione privata. Non è così, bisogna agire e fermare la violenza. E’ necessario sostenere le azioni delle associazioni, dei centri antiviolenza ed è necessario far conoscere le storie raccolte con tanta dedizione e solidarietà da Dacia Maraini. Sono i passi di sette donne che raccontano esperienze, dolore e discriminazione, donne che vengono oltraggiate nella loro persona, dignità e libertà”. Emblematiche le parole a conclusione della giornata: “Questa violenza non si deve combattere con le manette -afferma la Maraini – ma con un profondo cambiamento culturale -.