Giovane mamma di Polla salvata in pieno lockdown al San Carlo di Potenza

442
Sanità, interno dell’ospedale San Carlo di Potenza

di Pasquale Sorrentino

Salvata da un delicato e raro intervento al “San Carlo” di Potenza. Una ragazza della Vallo di Diano, in pieno lockdown, è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico nell’ospedale lucano. Si tratta di una mamma di Polla. La donna di 39 anni, trasferita, in corso di pandemia Covid-19, nel reparto di Chirurgia Toracica diretta da Gerardo Guarino per sequestro polmonare di tipo intralobare, rara malformazione congenita vascolare è stata sottoposta ai necessari approfondimenti strumentali a completamento dell’iter diagnostico.

Anche un’altra donna di 41 anni è stata sottoposta a un delicato intervento nello stesso periodo. Le giovani pazienti sono state sottoposte a due complessi interventi chirurgici eseguiti dal dottore Guarino aiutato dai dottori Dinatale e Casaletto, coordinati dal Direttore del reparto di Chirurgia Generale e d’Urgenza Giuliani con anestesia condotta dalla dottoressa Ciriello di Anestesia e Rianimazione diretta dal dottore Mileti, coadiuvati dal Personale infermieristico. In entrambi i casi, in considerazione della giovane età, è stata eseguita un’incisione sottomammaria nel rispetto dei requisiti estetici.

Nel caso della paziente valdianese affetta da sequestro polmonare, in considerazione dell’estesa area di parenchima polmonare interessato dalla malformazione vascolare, dopo isolamento e sezione del voluminoso vaso afferente dall’aorta toracica, è stata eseguita una lobectomia inferiore sinistra. Entrambe le pazienti hanno avuto un regolare decorso post-operatorio e sono state dimesse in buone condizioni generali. Le successive visite di controllo sono risultate nella norma. L’efficienza organizzativa dell’Azienda Ospedaliera San Carlo ha permesso, nonostante l’emergenza Covid, con opportune procedure di accettazione, gestione e dimissione in funzione del rischio di diffusione virale, di allineare le necessarie professionalità e competenze per garantire ai pazienti, nella massima sicurezza, le migliori prestazioni sanitarie. Pertanto, seppur in corso di emergenza covid, con il necessario accorpamento, grazie al supporto del Personale medico ed infermieristico della Chirurgia Generale, l’UOD di Chirurgia Toracica ha mantenuto elevati standard qualitativi e quantitativi, essendo stati effettuati nell’arco di due mesi, ben sedici interventi di chirurgia toracica maggiore. E anche il Vallo di Diano ringrazia.

©Riproduzione riservata