Iannone: «I ritardi di Canfora e del Pd portano la Provincia al dissesto»

Il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale e già presidente della Provincia di Salerno, Antonio Iannone (nella foto),  in una nota stampa ha dichiarato: «Canfora e gli uomini del Pd non sanno convocare neanche il consiglio provinciale. Dopo un anno di amministrazione non hanno maturato neanche la elementare capacità di rispettare norme e procedure. Hanno una capacità amministrativa che spacca lo zero e puntualmente fanno figure barbine conclamate dal fatto che vengono costretti a ripetere gli atti».

«Avevano convocato un consiglio per il 25 settembre  che ora è stato annullato e riconvocato per il 30 settembre. – prosegue Iannone – Se non si trattasse di persone che dovrebbero amministrare la vita di un grande territorio con oltre un milione di abitanti potremmo liquidare tutto con una risata ed invece rattrista lo spettacolo di un disastro amministrativo che è andato oltre ogni imbarazzo tollerabile. Tuttavia la Provincia di Salerno non è fuori controllo solo per il mancato rispetto di forme: il rendiconto di gestione 2014 che doveva essere approvato entro il 30 Aprile 2015 andrà in consiglio provinciale il 30 settembre prossimo venturo, termine entro il quale doveva essere approvato il bilancio di previsione 2015 di cui non si parla proprio ancora».

E conclude: «Che Canfora fosse un cattedratico dell’amministrazione ritardata ci siamo accorti da tempo ma ora siamo giunti all’improvvisazione da circo equestre. La Prefettura non può più consentire questo scempio della Legge, la Magistratura Contabile presto sanzionerà queste condotte sportive e i cittadini si ritroveranno con un Ente al dissesto. Canfora, dunque, è pericoloso per se’ e per gli altri, politicamente parlando».

©Riproduzione riservata