Il Cilento saluta Giorgia per l’ultima volta

6268
Infante viaggi

Lacrime, dolore e tanta commozione a Pollica per i funerali della piccola Giorgia Saija, la 15enne che si è tolta la vita sabato pomeriggio alla stazione ferroviaria di Agropoli – Castellabate. E’ stato un lunedì mattina di lutto nell’itera comunità che nel giorno delle esequie della giovane ha voluto stringersi alla famiglia, come riporta Set Tv nell’ampio servizio dedicato al ricordo della ragazzina. Il carro funebre, giunto dall’ospedale di Agropoli dove il corpo era stato trasportato dopo la tragedia, prima di raggiungere la chiesa di San Nicola si è soffermato nella frazione Celso, davanti alla casa dove Giorgia viveva. Un ultimo saluto in un surreale silenzio rotto dal pianto di familiari e amici. Il feretro ha poi raggiunto la chiesa del capoluogo. La bara bianca era coperta da tantissime rose, anch’esse bianche.

La mamma di Giorgia camminava stringendo tra le braccia una foto di sua figlia, quasi a non voler realizzare di averla persa per sempre. Presenti tantissime persone – si legge anche su Set Tv – i suoi compagni di classe, gli amici che l’hanno accolta con palloncini bianchi e striscioni in cui si ricordavano le sue passioni, in particolare per la danza. Le amiche indossavano anche delle magliette con il volto di Giorgia e la scritta “Sempre sarai”. C’erano anche i rappresentanti dell’amministrazione comunale e il sindaco Stefano Pisani che è stato il primo ad abbracciare i genitori. Poi la bara è entrata in chiesa dove don Angelo e don Gianluca hanno celebrato il rito funebre. «Non è più con noi, ci vogliono forza e coraggio per andare avanti e guardare alla vita. Hai cercato l’amore e hai trovato la morte, ma oggi il signore ti ridà la vita – hanno detto i sacerdoti dall’altare durante l’omelia – oggi siamo qui per accompagnarti con la preghiera all’incontro con il Signore. La tua bellezza e il tuo sorriso oggi possano rifiorire accanto al Signore nella vita. La morte improvvisa e dolorosa di Giorgia vi lascia uno sconfinato dolore, vi siamo vicini per questa tragedia che ha colpito la vostra famiglia e l’intera comunità locale e scolastica che oggi sono state toccate nel profondo dell’anima. Può sembrare un fallimento ma non è così».

  • Petrolfer srl
  • Scait consulenza alle imprese

Infine un appello ai giovani: «Aprite il vostro cuore, svelateci i vostri sentimenti, non rifugiatevi nella solitudine del vostro mondo, non vi fate scoraggiare dalle difficoltà e non desistete dal vostro impegno. Camminiamo insieme e sarà possibile raggiungere la vetta». Al termine della cerimonia applausi e palloncini in cielo hanno salutato la 15enne per l’ultima volta.

©Riproduzione riservata

  • Assicurazioni Assitur
  • Petrolfer srl