• Home
  • Attualità
  • Il libraio di Polla ai “Soliti Ignoti”: regala libri in cambio di bottiglie di plastica

Il libraio di Polla ai “Soliti Ignoti”: regala libri in cambio di bottiglie di plastica

di Marianna Vallone

Se è vera la locuzione “nomen omen”, Michele è gentile non solo di nome ma anche di fatto. Nella sua libreria a Polla dona un libro in regalo a chi arriva con rifiuti di plastica o di alluminio. La sua iniziativa è diventata in poco tempo nota anche al di fuori del territorio valdianese e questa sera lo ha portato anche tra gli otto “ignoti” da scoprire nel noto programma di Rai Uno che va in onda ogni sera alle 20:30 condotto da Amadeus, “I soliti ignoti”. Il libraio della Ex Libris Cafè salva la cultura e l’ambiente con un’idea che da una parte contribuisce alla pulizia del territorio e dall’altra sostiene la cultura e la lettura. Originario di Polla, 58 anni, Michele Gentile ha dato vita anche all’iniziativa del libro sospeso, come il caffe napoletano, e quella che chiunque può regalare un proprio libro in modo che questo venga poi donato ad un istituto penitenziario minorile o alla biblioteca di una scuola. Nella puntata di martedì de “I soliti Ignoti” Michele, ignoto numero due, ha dato tra i suoi indizi quello di voler bene ai più piccoli. Un suggerimento questo che la concorrente, Franca, da Castellamonte, provincia di Torino, ha subito associato al suo “mestiere”, quello di regalare libri in cambio di bottiglie, guadagnando così la cifra totale di 38mila euro.  

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019