Il maltempo torna a fare danni nel golfo di Policastro. Sindaco: «Restate a casa»

Torna a fare paura il maltempo nel golfo di Policastro. Nel corso della giornata sono diversi gli interventi dei vigili del fuoco per mettere in sicurezza diverse zone del territorio da Camerota a Sapri.

di Marianna Vallone

Il maltempo è tornato a creare disagi nel golfo di Policastro. Nel corso della giornata, infatti, a causa delle forti piogge sono stati diversi gli interventi che hanno chiamato i corpi volontari ad uscire sul territorio per mettere in sicurezza molte zone. A dieci giorni dall’alluvione che ha colpito Policastro, Vibonati e Ispani sono ancora numerosi i disagi che si vivono nel territorio. La situazione che preoccupa di più si registra a Sapri. Danni e disagi anche a Lentiscosa e Licusati.

Sapri
Strade come fiumi in piena e piazze come laghi. La bomba d’acqua che si è abbattuta nella notte e poi nella giornata sul golfo di Policastro ha ancora una volta causato seri danni. Strade allagate anche sul lungomare, piazza Regina Elena, via Pisacane, rione Trovatella. E’ un torrente in piena via Kennedy, con circa 50 centimetri d’acqua. Allagata anche piazza del Plebiscito, da alcuni mesi oggetto di importante restyling. Il sindaco Antonio Gentile ha raccomandato ai cittadini di evitare spostamenti. “Vista la situazione meteorologica e le problematiche riscontrate in varie zone di Sapri, si invita la Cittadinanza a restare nelle proprie case. Tutte le squadre sono al lavoro ma ripeto durante gli eventi è indispensabile restare in casa”.

Vibonati
Criticità si sono registrate anche a Vibonati dove è tornata la paura di nuove esondazioni. Si registrano allagamenti in diverse zone del paese. “Siamo in campo”, ha fatto sapere il consigliere comunale Manuel Borrelli. “Siamo sul territorio con i Vigili del fuoco e con la Protezione Civile”. Interventi in località Oliveto e Culari.

Ispani
Da questa mattina le piogge torrenziali stanno facendo vivere nuovamente ore di apprensione all’intero Golfo di Policastro, a distanza di poche settimana dall’alluvione. “La situazione è monitorata dalle prime ore dall’amministrazione e dai volontari della protezione civile”, ha fatto sapere l’amministrazione. “È stato da subito attivato l’intervento degli escavatori per mantenere costantemente puliti i “letti” dei canali. Si raccomanda tutti di restate a casa”.

Lentiscosa e Licusati
Nella notte su Camerota, come su buona parte del Cilento, si è abbattuto un violento temporale, forti scariche elettriche di fulmini e abbondanti piogge. Sono diversi e ingenti i danni. La maggior parte sono stati registrati alle frazioni Licusati e Lentiscosa, dove da questa notte sono a lavoro mezzi della protezione civile e mezzi di ditte private accorse in soccorso. Il sindaco Mario Salvatore Scarpitta dall’alba è nei luoghi maggiormente colpiti. Si sono allagate delle abitazioni, colate di fango e detriti hanno investito anche le auto. Nessun danno alle persone, alcune strade sono state momentaneamente interdette al traffico. A Lentiscosa il maltempo ha mandato fuori uso l’impianto semaforico al centro del paese, mentre la tempesta di fulmini ha creato danni alle linee elettriche e telefoniche. Molte case sono senza corrente elettrica.

© Riproduzione riservata