Il prefetto Pantalone lascia Salerno per passare a Napoli. Mola: «Non mancherà affatto»

Gerarda Pantalone lascia Salerno per guidare la Prefettura di Napoli. E’ quanto si apprende da una nota del Consiglio dei ministri. E’ nata a Grazzanise nel 1955. Si è laureata in Giurisprudenza all’università di Napoli nel luglio del 1977 e ha conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione forense, presso la Corte di Appello di Napoli, nel 1979. Il primo marzo dello stesso anno vince il concorso pubblico ed entra in servizio al Ministero dell’Interno, dipartimento della Pubblica sicurezza. In quella sede le sono stati attribuiti rilevanti incarichi presso il servizio stranieri e l’ufficio del vice capo della polizia. Dal novembre 1999 viene trasferita alla Presidenza del Consiglio dei ministri, dove si occupa degli organismi di informazione e sicurezza.

«Il prefetto Gerarda Pantalone non lascerà certo un buon ricordo alla città di Salerno. – commenta Antonio Mola, responsabile dell’associazione Tradizione Futuro in una nota stampa – L’ambiguità sulla decadenza del sindaco De Luca, il disinteresse sul caos generato dalle ‘Luci d’artista’, e la scellerata accondiscendenza della scelta di fare di Salerno uno dei porti principali per l’operazione ‘Mare Nostrum’ sono i motivi per cui, ritengo, non mancherà affatto alla città di Salerno».

©Riproduzione riservata