Immigrati nel Vallo di Diano, 2 ricoverati per malattia tropicale infettiva: «Da tempo chiediamo attenzione»

Infante viaggi

«Presenterò un’interrogazione parlamentare per sapere se il governo ha adottato tutte le misure di prevenzione e profilassi del caso per proteggere i cittadini di Atena Lucana, dove sono stati diagnosticati i primi due casi in Italia di schistosomiasi, malattia tropicale infettiva, a due ragazzi provenienti dal Mali, ospiti di un centro d’accoglienza presente nel comune salernitano, e ora ricoverati ad Eboli». È quanto annuncia Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale alla notizia che due giovani provenienti dal Mali ed ospiti di uno dei tre centri di accoglienza presenti nel comune di Atena Lucana siano stati ricoverati all’ospedale di Eboli per Schistosomiasi, una malattia tropicale infettiva meglio conosciuta con anche con i nomi di bilharziosi, febbre di Katayama o febbre della lumaca. Prima di essere trasferiti all’Unità operativa di Oncodermovenereologia e Medicina delle Migrazioni di Eboli, i due erano stati ricoverati a Polla dove i medici, constatati i sintomi, hanno disposto l’immediato trasferimento ad Eboli, dove la struttura ha confermato i sospetti dei medici di Polla. Si tratta di una malattia che, benché infettiva, ha un bassissimo tasso di mortalità e può essere curata efficacemente con farmaci disponibili anche in Italia, e che l’ospedale di Eboli avrebbe richiesto ad una farmacia della Stato della Città del Vaticano. «Da tempo – conclude Cirielli – denunciamo la necessità di porre adeguata attenzione al rischio contagio da malattie infettive legate ai flussi migratori. Ci auguriamo che il governo intervenga e non sottovaluti anche questa problematica connessa all’immigrazione».

  • Vea ricambi Bellizzi

©Riproduzione riservata

  • Lido Urlamare Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido La Torre Palinuro