• Home
  • Politica
  • Camerota: nuove proteste legate all’aumento della TARSU

Camerota: nuove proteste legate all’aumento della TARSU

di Giuseppe Galato

Continuano le lamentele sulla gestione rifiuti. Dopo la protesta informale attuata da un cittadino che aveva goliardicamente gettato un sacco di immondizia negli uffici del sindaco si è ora arrivati alle richieste ufficiali con una lettera aperta al sindaco firmata COMITATO DI LOTTA Moti Del Cilento 1828.

Riportiamo quanto scritto nella missiva:

 

LETTERA APERTA AL SINDACO DEL COMUNE DI CAMEROTA

EMERGENZA DEMOCRATICA

Egregio dott. Bortone in questi giorni tutti i cittadini del Comune di Camerota hanno ricevuto cartelle per il pagamento della tassa rifiuti urbani con costi esorbitanti scaricati sulla popolazione.

La Tua Amministrazione non è colpevole di questi aumenti, passate Amministrazioni hanno gestito in maniera assassina la questione rifiuti solidi urbani.

Detto questo però non puoi esimerti di affrontare e risolvere il problema spazzatura una volta e per tutte.

1) La popolazione tutta si rifiuta di pagare le cartelle in oggetto.
2) Chiediamo con urgenza entro il mese di agosto una convocazione del Consiglio Comunale con all’ordine del giorno – REVOCA DELIBERA IN QUESTIONE –
3) Chiediamo che venga reso pubblico: elenco persone, strutture, campeggi, villaggi, alberghi che sono evasori. Tutto ciò lo prevede la legge.
4) Il dibattito sia pubblico e pubblicizzato.
5) Chiediamo che si accertino connivenze e colpe politiche sia di politici e sia di uffici comunali e si informi la Procura della Repubblica.
 
                                                                                                       COMITATO DI LOTTA
                                                                                                       Moti del Cilento 1828

 

La lettera, presentata oggi presso gli uffici comunali, è stata prontamente protocollata.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019