• Home
  • Attualità
  • International Cilento Film Festival: premio della critica al documentario “Laurelli, Caselle in pietra”

International Cilento Film Festival: premio della critica al documentario “Laurelli, Caselle in pietra”

di Marianna Vallone

Il documentario di Giuseppe Jepis Rivello, dedicato alla missione archeologica di Caselle in Pittari, si aggiudica il premio della critica all’International Cilento Film Festival, nella sezione dedicata ai documentari italiani.

Il documentario dal titolo “Laurelli, Caselle in Pietra” nasce dalla voglia di raccontare la missione archeologica che l’Università di Salerno conduce a Caselle in Pittari nel sito Lucano del IV sec a.C. Una missione partita con i primi scavi effettuati alla fine degli anni ’80 e primi anni ’90 con la collaborazione della soprintendenza di Salerno e del Comune di Caselle in Pittari. Racconta il lavoro condotto dagli archeologi dell’Università degli Studi di Salerno coordinati dalla professoressa Antonia Serritella e tiene una linea poetica che racconta quanto l’attuale abitato di Caselle in Pittari sia “figlio” dell’antica “Città di Laurelli”.

Il documentario, realizzato da Jepis Rivello, ha avuto un importante riconoscimento alla seconda edizione del festival internazionale diretto dall’attore Massimo Bonetti che si svolge in 5 serate tra Controne, Pertosa, Santa Maria di Castellabate (nuova location al posto di Pioppi) e l’area archeologica di Paestum.

«Sono felice che la storia che abbiamo raccontato abbia trovato spazio proprio in questo festival e proprio nella cornice dei templi di Paestum. Lo spirito di questo lavoro di narrazione è innanzitutto quello di supportare il lavoro che gli archeologi portano avanti nel nostro territorio. – ha spiegato Jepis – Noi che abitiamo questi luoghi abbiamo il dovere di occuparci di queste storie, di recuperarle, preservarle e connetterle con altri territori e altre comunità».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019