• Home
  • Cronaca
  • La Cisl a Roma contro i tagli alla scuola, bus da Agropoli e Vallo della Lucania

La Cisl a Roma contro i tagli alla scuola, bus da Agropoli e Vallo della Lucania

di Redazione

La provincia di Salerno, come già più volte sottolineato dal giornaledelcilento.it, è tra le più penalizzate dai grossi tagli al personale che hanno riguardato il sistema scolastico. I ridimensionamenti dell’organico hanno colpito duramente sia il corpo docenti sia il personale Ata: si tratta di migliaia di persone che hanno perso anche quel posto di lavoro precario che avevano. Nei giorni antecedenti l’inizio delle lezioni, e anche dopo, i precari hanno dato vita ad una protesta vigorosa e incessante, sottolineando le inefficienze che la decisione di ridurre gli organici aveva provocato in tutta la provincia: in tanti casi si sono verificati fenomeni di sovraffollamento delle classi- si è arrivati a formare addirittura classi con 41 ragazzi-, in altre situazioni si è denunciata la presenza di diversi alunni disabili nella stessa classe, senza che potessero essere seguiti in maniera idonea, poichè le ore dedicate al sostegno sono diminuite di molto. L’Anffas- l’associazione nazionale famiglie di disabili intellettivi e relazionali- ha lanciato un grido d’allarme chiaro e diretto, parlando di "una situazione di ghettizzazione autorizzata, un ritorno strisciante delle odiose classi speciali". Altre volte ancora si è fatto riferimento alle storture organizzative derivanti dall’assenza del personale Ata: ci sono scuole in cui in un intero piano non c’è neanche un operatore.

I tagli previsti dalla legge 133 riguarderanno considerevolmente anche i prossimi due anni. Domani avrà luogo a Roma una manifestazione nazionale organizzata dalla Cisl. La Cisl Scuola Salerno parteciperà all’appuntamento; ci saranno autobus che partiranno da Salerno, Nocera Inferiore, Sala Consilina, Battipaglia, Vallo della Lucania e Agropoli. Lo slogan della manifestazione sarà "La scuola merita di più"e vedrà la partecipazione di tutto il sindacato di categoria e i vertici nazionali, regionali e provinciali della confederazione dei lavoratori. Giovanni Giudice, segretario generale della Cisl salernitana, ha affermato: "Sono molti i docenti senza contratto e per questo motivi la scuola sta perdendo di qualità. La manifestazione, a cui prenderò parte personalmente, ha lo scopo di far riflettere su determinati punti basilari per la scuola: revisione dei tagli, rinnovo contrattuale e risolvere il problema della precarietà con un consolidamento effettivo del lavoro. Porteremo in piazza una classe di insegnanti per sottolineare tutto il disagio della categoria e del personale non docente di fronte ad una politica della scuola inadeguata per il futuro del nostro paese. Scendendo in piazza a Roma vogliamo cambiare il piano dei tagli, di cui vanno ridotte le quantità e rivisti i tempi, ottenere le risorse necessarie per un rinnovo contrattuale che valorizzi adeguatamente tutte le professionalità operanti nella scuola; combattere la precarietà attraverso scelte che superino la logica degli interventi straordinari, avviando una politica di effettiva e generalizzata stabilizzazione del lavoro".

I bus che partono dal Cilento, diretti a Roma, domattina: alle 5 parte da Vallo e alle 5 e 30 da Agropoli.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019