Ospedale Sapri a rischio, summit sindaci basso Cilento

Non c’è tempo da perdere. E questo lo hanno capito anche i sindaci del basso Cilento. Alcuni reparti dell’ospedale dell’Immacolata di Sapri, sono a rischio. Il primo cittadino della cittadina della Spigolatrice, Giuseppe Del Medico, ha chiamato a raccolta, nell’aula consiliare del Comune di Sapri, gli operatori sanitari e l’assemblea territoriale di Cittadinanzattiva, insieme ai sindaci del distretto Sapri-Camerota. Questi ultimi hanno deciso di mettere su un comitato per la salvaguardia del plesso ospedaliero e per chiedere al responsabile regionale della Sanità, Enrico Cascioni, un incontro. I rischi maggiori vengono corsi dalll’Unità di terapia intensiva cardiologica che potrebbe essere chiusa a causa della mancanza di reperibilità notturna degli anestesisti e per la presenza di soli 4 medici. Ma nel Golfo di Policastro, oltre all’ospedale di Sapri, rischiano anche i Saut di Policastro Bussentino e Casaletto Spartano; in quest’ultimo Comune manca il medico a bordo dell’ambulanza.

©Riproduzione riservata