Lacrime e applausi per l’ultimo saluto a Mango, Lagonegro saluta così l’artista lucano

Il silenzio di centinaia di amici e fans, che attendevano la bara davanti la chiesa madre di Lagonegro, è stato rotto da un lungo e commosso applauso. All’arrivo del feretro, Lagonegro ha salutato con emozione e lacrime il suo artista. La chiesa era gremita e centinaia di persone sono rimaste fuori per l’ultimo saluto a Pino Mango, il cantautore scomparso il primo dicembre durante un concerto a Policoro. E’ stato stroncato da un infarto mentre intonava la sua ‘Oro’, il suo più grande successo, la canzone che ha fatto innamorare generazioni. Lo stesso destino è toccato 24 ore dopo al fratello maggiore, Giovanni, morto dopo un malore durante la veglia funebre. Un dramma immenso che ha distrutto una famiglia: poche ore più tardi gli altri due fratelli, Armando e Michele, sono stati ricoverati all’ospedale di Lagonegro.

«Era una famiglia molto unita», ha raccontato un concittadino. Tra i presenti c’era anche Mogol, che ha scritto con lui alcune canzoni: «Non è stato considerato per quanto valesse. Adesso, dopo la sua morte, avrà sicuramente una valutazione più grande». «Era un lucano Doc – poi ha aggiunto – un artista diverso con una unicità particolare non rintracciabile anche in altri grandi artisti. La nostra canzone migliore? Sicuramente – ha risposto – ‘Mediterraneo’». Nell’omelia l’arcivescovo di Policoro, Francesco Nolè, ha sottolineato che «nella sua vita Pino ha messo a disposizione di tutti quello che Dio gli aveva donato. E’ morto facendo il suo lavoro, seguendo la sua vocazione: voi tutti, familiari e amici, conservate per sempre questo gesto di grande generosità». Alle 15:30 nella chiesa di San Giuseppe saranno celebrati i funerali del fratello dell’artista, Giovanni, morto martedì mattina a 75 anni.

©Riproduzione riservata