M5S: «Misure di sostegno, De Luca dimentica il turismo»

Infante viaggi

Per i consiglieri del Movimento Cinque Stelle De Luca dimentica il turismo, ed esclude dai bonus una tantum agenzie di viaggio e alberghi. «Esistono categorie completamente dimenticate dalle misure economiche messe in campo dalla Regione Campania per il contrasto alla recessione che deriva dalla emergenza epidemia Coronavirus. Assolutamente non pervenute le guide turistiche iscritte all’Albo regionale, ma sprovviste di partita Iva». E’ quanto denunciano Michele Cammarano e Gennaro Saiello, consiglieri regionali M5S. «Il bonus professionisti/lavoratori autonomi – spiegano – non annovera questa classe di lavoratori, fortemente danneggiata dal blocco di ogni attività legata ai flussi turistici. Inoltre, inspiegabilmente, lo stesso “bonus una tantum” previsto per le microimprese, esclude del tutto da ogni genere di aiuto le attività legate al settori alberghieri ed extra-alberghieri, le agenzie di viaggio, le attività di noleggio auto ma anche quelle legate alla valorizzazione delle nostre tipicità, come le aziende specializzate nella produzione di vino, della birra artigianale, di conserve di pomodoro o di farina, soltanto per citarne alcune. A questo proposito – concludono i consiglieri regionali M5S – sarebbe auspicabile una riconsiderazione delle attività comprese nell’elenco degli aiuti, così da intervenire immediatamente sui settori economici che, quando l’emergenza sarà conclusa, rischiano di soccombere rispetto al crollo della domanda».

  • Vea ricambi Bellizzi

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur