Mancano i medici all’ospedale di Polla, Ortopedia chiusa un mese

di Pasquale Sorrentino

Può vivere un ospedale in eterno precariato? Può guardare al futuro temendo che non ci sia un presente? Teoricamente no, ma da anni c’è un ospedale (anzi molto più di uno) che vive così. L’ospedale di Polla – al di là di promesse e di “promozione” burocratiche – vive cosi. Reparti che chiudono per ferie forzate per mancanza di medici, reparti che vengono accorpati per sopravvivere, reparti che vengono trasferiti in altri nosocomi. L’ultimo reparto a chiudere per un mese, per assenza di medici, è quello di ortopedia. Due soli medici, pur bravissimi, turni massacranti e ferie che si accumulano tanto da costringere a chiudere ai ricoveri fino al prossimo 28 marzo. Anche il reparto di Ginecologia e Ostestricia è in affanno, i medici dimezzati in diversi anni e ora sono solo 4 con il pericolo che chiuda, almeno questo è l’allarme lanciato dal pediatra De Laurentiis, caduto per ora nel vuoto.

©Riproduzione riservata