• Home
  • Cronaca
  • “Giorno del ricordo”, si intitola una strada a un cittadino di Castellabate

“Giorno del ricordo”, si intitola una strada a un cittadino di Castellabate

di Redazione

"Giorno del ricordo", si intitola una strada a un cittadino di Castellabate infoibato

 

È l’unico cittadino di Castellabate che ha patito la crudeltà delle foibe, da cui non è più tornato. A Giovanni Romito, classe 1923, il Comune di Castellabate intitolerà una strada domani (10 febbraio), in occasione del "Giorno del ricordo", istituito dalla legge n. 92 del 2004 proprio per commemorare le vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale.

L’appuntamento con la cerimonia di scoprimento della targa è alle ore 10 nella zona industriale di San Marco di Castellabate. L’evento sarà presieduto dal sindaco Costabile Maurano e interverranno autorità civili e militari.

L’intitolazione di "Via Giovani Romito, vittima delle foibe" è stata decisa con la deliberazione di giunta municipale n. 275 del 29 ottobre 2009 e approvata dalla Prefettura di Salerno.

 

Giovani Romito nacque a Castellabate il 7 novembre del 1923 da Nicola Romito e Giuseppa Acquaviva. Soldato di leva della classe 1923 nel distretto di Salerno, cadde durante la seconda guerra mondiale, dopo essere stato fatto prigioniero dai partigiani a Slava tra l’8 e il 9 settembre 1943.

In base alla legge 30 marzo 2004 n. 92, il 10 febbraio dello scorso anno il Presidente della repubblica Giorgio Napolitano ha consegnato ai familiari la medaglia d’oro e il diploma d’onore, alla memoria, per il "sacrificio offerto".

 

Sul territorio comunale sono già state intitolate altre due strade che ricordano la tragedia degli infoibati, migliaia di italiani che, tra il 1943 e il ’45, furono torturati e gettati vivi nelle voragini rocciose dell’altopiano del Carso, ad opera dei seguaci del maresciallo Tito. Sono "Via Norma Cossetto martire istriana", insignita alla memoria della medaglia d’oro al merito civile dal Presidente della Repubblica, che è la seconda traversa a destra di via De Angelis a San Marco, e "Via Martiri delle foibe", ubicata nella frazione Lago.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019