• Home
  • Cronaca
  • Metrò del mare, l’attivazione va per le lunghe. Cascone: «Stiamo cercando una soluzione»

Metrò del mare, l’attivazione va per le lunghe. Cascone: «Stiamo cercando una soluzione»

di Antonio Vuolo

Rischiano di allungarsi ulteriormente i tempi per l’attivazione del servizio di collegamento via mare dai porti del Cilento con Salerno, Costiera Amalfitana, Napoli e Capri, con l’estate ormai già inoltrata. Con il fiato sospeso attendono notizie da Palazzo Santa Lucia gli operatori turistici che in passato hanno potuto contare anche su questa tipologia di offerta.

«Siamo in difficoltà per l’affidamento del Metrò del Mare per il Cilento, ma stiamo cercando una soluzione» dice, infatti, il consigliere regionale e presidente della IV Commissione Trasporti, Luca Cascone, in merito all’attivazione del servizio di collegamento marittimo da e per il Cilento. Tutta la questione ruota intorno all’avviso pubblico (scaduto il 7 luglio) che disciplina la concessione di un aiuto sotto forma di contributo a fondo perduto, sulla base di una procedura valutativa che prevede, per ciascuna delle linee di collegamento (tre quelle destinate al Cilento), la selezione di un unico operatore economico.

Perché? La dotazione finanziaria complessiva, a valere sulle risorse del POC 2014/2020, è di 1,9 milioni di euro, suddiviso per ogni singola linea per le stagioni estive 2021 e 2022 nel seguente modo: 210mila euro per la linea 1 Salerno – Costa del Cilento, 362mila euro per la linea 3A Cilento – Capri – Napoli Beverello, 247mila euro per la linea 3B Sapri – Capri – Napoli Beverello. Ma per l’assegnazione del contributo, si applicano le disposizioni del Regolamento Unico Europeo che, in materia, prevede un contributo massimale ad operatore economico di 500mila euro.

Tradotto, quindi, per un solo operatore, così come accaduto in passato, sarebbe impossibile garantire le tre linee, perché andrebbe a sforare il massimale di aiuto concesso. E potrebbe essere proprio questo lo scenario davanti ai funzionari regionali: la presenza di un solo operatore e lo sforamento, quindi, del massimale di aiuto da poter concedere. «Potrebbe esserci novità nella giornata di mercoledì (oggi per chi legge, ndr)» aggiunge Cascone, senza sbilanciarsi più di tanto. Da verificare, poi, ci sarebbero gli accosti nei porti, visto che in passato già ci sono stati dei problemi in alcuni scali portuali del Cilento.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019