Michele Cucuzza tra i protagonisti di School Movie: «Ai ragazzi dirò di essere come Steve Jobs»

di Marianna Vallone

Alle centinaia di bambini e ragazzi della ottava edizione di School Movie, che si terrà nella magica atmosfera dei Templi di Paestum il 19 e 20 luglio, il giornalista e conduttore televisivo Michele Cucuzza, racconterà un esempio che ha cambiato il mondo, quello di Steve Jobs, il fondatore di Apple e al quale ha dedicato un libro. “Steve Jobs. Vita e invenzioni di un genio coraggioso”, una biografia rivolta a bambini e ragazzi in cui il giornalista e conduttore televisivo che nelle nuove leve da sempre legge la linfa del futuro, racconta il grande inventore in tutte le sue sfaccettature, non solo professionali ma anche umane.

Un libro nato in occasione dei dieci anni dalla sua morte. «E’ edito dalla casa editrice Curcio, ed è accompagnato dai disegni realizzata da Anita Perlini, che interpretano alla perfezione le pagine della mia biografia». Un libro destinato ai più giovani ma anche a chi più giovane non lo è: «Parla di Jobs, uno dei fondatori dell’industria di internet e della comunicazione digitale. Non era un uomo d’affari ma un inventore, un visionario, un creativo, che con le sue idee ha cambiato il nostro modo di comunicare e di vivere», dice lo scrittore. «Non ha mai fatto un’indagine di mercato, Jobs, ogni suo prodotto era frutto della sua fantasia, un genio inventore. E era anche un hippie, – aggiunge Cucuzza – che pensava di costruire oggetti che potessero servire ma contrastando le altri multinazionali. Ai giovani di School Movie dirò quello che dice lui: siate affamati, desiderosi di cercare cose nuove, cercarle dentro di se, sapere cosa si vuole fare. Non tutti possono diventare come Steve Jobs, ma tutti devono trovare dentro di se la propria strada, senza omologarsi, pensando differentemente, come diceva lui».

Sarà Cucuzza, martedì, il protagonista della finale di School Movie, la rassegna cinematografica per le scuole che dà spazio alle idee dei bambini e dei ragazzi e le trasforma in un cortometraggio. La manifestazione, ideata da Enza Ruggiero, vedrà la partecipazione stasera di Anna Tatangelo, gli Arteteca, Ciro Villano, Pippo Pelo e molti altri. «E’ un privilegio esserci perché le giovani generazioni sono il nostro futuro, ed è un privilegio vederli esprimersi in iniziative come questa, piene di creatività, di inventiva e di progetti. E poi mi piace molto stare in mezzo ai giovani. – dice Cucuzza – Credo che in questo paese manchi un po’ il contatto tra chi ha maggiore esperienza ed ha una certa età e chi è più giovane. Mettere insieme queste cose, ecco la ritengo una grande fortuna».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019