Morto Domenico Chieffallo, il Cilento perde uno dei suoi studiosi più importanti

Si è spento Domenico Chieffallo, scrittore e giornalista, nome legato ad una serie di libri sulla realtà sociale del Cilento e del  meridione d’Italia, del quale è stato attento e profondo conoscitore. Tra le sue opere Un grido dai bassifondi (1983) giunto in breve tempo alla terza edizione, delinea una panoramica della società meridionale attraverso nuovi e vecchi problemi. In Terra, fucili e bastimenti (1984) ha narrato l’epopea contadina del Sud attraverso le prime sommosse, il brigantaggio post-unitario e l’emigrazione.

Con Nel regno della lupara (1985) ha affrontato il problema mafia, in una dimensione storico sociale che rivela la complessa tematica di uno degli aspetti più inquietanti della realtà sociale del meridione. Nel 1989 pubblica La lunga notte della camorra, con cui denuncia le radici sociali della criminalità napoletana e offre una panoramica sulle multiformi attività dell’organizzazione. Di assoluto valore i suoi studi sul Cilento, fra i quali: Cilento: contadini, galantuomini e briganti (1989), nel quale ripercorre il brigantaggio nel Cilento dal 1400 a tutto il 1800; Cilento oltre oceano (1994), primo volume di una trilogia dedicata all’e azione cilentana dall’unità d’Italia al secondo dopoguerra; Cilento e Mezzogiorno (1996) in cui propone una panoramica di vecchi e nuovi problemi sociali; Le terre dell’abbandono, dedicato all’emigrazione cilentana in Europa dal secondo dopoguerra ai giorni nostri; Novecento Cilentano, Cent’anni di lotte, speranze, delusioni in una realtà rurale, dedicato alla storia del Cilento nel XX secolo. In atto dirige una collana di studi e ricerche storiche su Agropoli per la quale ha scritto: II colera del 1866; I confinati politici nel periodo fascista; La bonifica delle zone malariche in epoca fascista; l’istruzione pubblica dalle antiche origini agli anni ’50; La Chiesa dei Ss. Pietro e Paolo nella storia di Agropoli; Agropoli dal XIX al XX secolo, edito dal Comune di Agropoli. È stato autore di alcune inchieste pubblicate nella rivista storica “Annali Cilentani”, fra le quali: La disoccupazione nel Cilento: dati, cause; riflessioni; Lo stato della criminalità organizzata nella piana del Sele e nel Cilento; II patrimonio zootecnico nel Cilento ai giorni nostri; Origine ed evoluzione del caporalato. 

I funerali saranno celebrati ad Agropoli, venerdì 19 maggio, alle ore 17.30, presso la Chiesa S. Maria delle Grazie, piazza della Repubblica.

©Riproduzione riservata