Nasce coordinamento associazioni extralberghiero della Campania

Infante viaggi

Presentato questa mattina il neo Coordinamento delle associazioni dell’extralberghiero della Campania. Una compagine che raggruppa 7 associazioni locali per quasi mille iscritti, lavorando su un territorio dove vivono due milioni di abitanti tra la Città metropolitana di Napoli e la provincia di Salerno. L’unione tra le realtà locali permette di dare voce ad un comparto che fino ad oggi non ha avuto rappresentanza ai tavoli tematici sul turismo dei governi nazionali e regionali, pur avendo il 70 per cento dei posti letto in tutto il territorio campano e contando oltre diecimila addetti.

“Oggi siamo qui per presentarci e per avviare un percorso in cui ogni decisione, ogni progetto che non solo avrà a che fare con l’Extra-alberghiero ma con il Turismo, avrà il Coordinamento come interlocutore necessario del Comparto organizzato e strutturato”. Ha affermato l’avv. Aldo Avvisati, portavoce del Coordinamento stesso. Fanno parte del Coordinamento l’APABB – Associazione Pompeiana Affittacamere e Bed & Breakfast; AreV-OD – Ospitalità Diffusa per un Turismo di Qualità intorno al Vesuvio; ASTAR – Associazione stabiese attività ricettive; Host Italia – Campania; Legambiente Turismo Campania e Cilento, Vallo di Diano, Alburni; Vesuvio Family House – B&B’s and Incoming Association; ATEX – Associazione Turismo Extralberghiero penisola.

  • Vea ricambi Bellizzi

“I governi nazionale e regionale ci hanno fortemente penalizzato con le scelte politiche che hanno fatto durante e dopo il lockdown”. Hanno denunciato all’unisono i rappresentanti delle sette associazioni, puntando il dito contro il bonus vacanza “che ci penalizza perché siamo in Campania e per come è stato scritto manifesta dei profili di incostituzionalità. Non sarà spendibile in oltre il 70 per cento delle strutture dell’extralberghiero regionale. Il legislatore non ha tenuto conto di delle diversità tra le legislazioni regionali esistenti, pur essendo il turismo una materia di esclusiva competenza regionale”.

Quindi, dito puntato contro la giunta campana del governatore Vincenzo De Luca: “Inesistente il marketing territoriale che hanno promesso in questi mesi. Mentre le altre regioni investono milioni di euro e vanno sui canali nazionali, da noi non c’è nemmeno ancora l’idea di costruire una campagna di comunicazione. Non siamo stati destinatari nemmeno dei due bandi realizzati dal governo regionale. Il nostro comparto è stato proprio dimenticato”.

assicurazioni assitur