Neonata morta dopo il parto, dopo 9 anni assolta la ginecologa

di Redazione

Mauro Tringali, giudice del tribunale di Vallo della Lucania, all’esito dell’udienza tenutasi ieri, 16 febbraio, ha assolto con la formula ampiamente liberatoria perché il fatto non sussiste, l’attuale vicesindaco del Comune di Capaccio, la ginecologa Maria Antonietta Di Filippo accusata di aver cagionato per colpa professionale la morte di una neonata deceduta a poche ore dal parto il 26 marzo 2012. Si tratta di una vicenda giudiziaria che ha inizialmente visto coinvolti numerosi medici dell’ospedale San Luca ed in cui si sono succedute ben due consulenze tecniche, la prima della procura di Napoli dove la piccola è deceduta che aveva scagionato tutti gli originari indagati ed una seconda nominata dalla procura di Vallo della Lucania che ribaltando le conclusioni dei colleghi partenopei , determinò il rinvio giudizio della sola dottoressa Di Filippo. Assolta «perché il fatto non sussiste» la dottoressa Di Filippo. Tra 90 giorni la motivazioni.

©Riproduzione riservata