Noi con Salvini cresce nel Vallo di Diano, Vitolo: «Siamo risposta a 40 anni di politica scellerata»

«Siamo la risposta a 40 anni di politica scellerata». E’ questo in estrema sintesi quello che pensa il portavoce del movimento Noi con Salvini del Vallo di Diano, Giuseppe Vitolo. «Per questo abbiamo deciso di aggregarci a Salvini – spiega – perché da anni la sinistra vince e governa malissimo e il centro destra è assente». Ed elenca le strutture chiuse o trasferite negli ultimi anni: «C’è la vicenda del tribunale di Sala Consilina, il carcere, l’ospedale, poi la ferrovia. Qui nel Vallo di Diano – aggiunge Vitolo al giornale del Cilento – siamo pieni di problemi». Nel movimento ‘Noi con Salvini’ l’età media è bassa, Vitolo ha 25 anni e anche il resto del gruppo è giovane. Sulla notizia della presenza del sindaco di Roccagloriosa, Nicola Marotta, al raduno a Pontida, il portavoce valdianese si è detto «orgoglioso»: «Ha fatto bene a rappresentare il Cilento, – spiega Vitolo – Marotta è tra i primi sindaci, se non il primo del Sud a salire su quel palco».

E sorvola le polemiche: «Hanno paura delle nostre idee perciò ci offendono» e aggiunge: «Ma molti non sanno che oggi non c’è piu la Lega del nord ma un patto tra Nord e Sud». Sull’emergenza sbarchi, il movimento valdianese ha le idee chiare: «Abbiamo tanti migranti e con lo sbarco di oggi ne arriveranno altri. Stamattina – spiega – ho chiesto a tutti i sindaci di non ospitare piu clandestini, di non accettarli e pensare invece ai nostri concittadini. In tanti non arrivano a fine mese, ci sono anziani soli e bisognosi, giovani senza un’occupazione. Siamo chiamati razzisti – sottolinea – ma sono razzisti chi li fa morire in mare». E poi aggiunge: «Vogliamo che l’Europa faccia entrare chi chiede asilo in tutti i Paesi europei, non solo in Italia, e aiutandoli davvero, ma in casa loro, costruendo scuole e ospedali». Intanto, mentre da un lato si accendono le polemiche, dall’altro Vitolo fa sapere che il movimento Noi con Salvini, nel Vallo di Diano, è in crescita: «Riceviamo tantissime telefonate – conclude – ma vogliamo gente motivata e seria».

©Riproduzione riservata